Yeman Crippa
Yeman Crippa

Trento, 8 maggio 2020 - Gli atleti possono tornare ad allenarsi negli spazi aperti e riprendere quel filo interrotto due mesi fa. Vale soprattutto per Yeman Crippa che da un anno a questa parte ha assunto una nuova dimensione del mezzo fondo italiano con il record dei diecimila metri battuto dopo oltre trent'anni di dominio di Salvatore Antibo. Ora il 23enne trentino può ripartire riprogrammando i suoi obiettivi.

"Correre in casa e fuori non è la stessa cosa - ha affermato Crippa ai canali Fidal - Abbiamo tenuto duro per due mesi, ma è ovvio che lo stop ci porterà a riprogrammare tutto. Il mio obiettivo era confermare nel 2020 i miglioramenti dell'anno scorso e ora guardo agli Europei di cross di Dublino a dicembre, ma la testa pensa sempre alle Olimpiadi di Tokyo. Preparazione? Stiamo pensando di fare i 1.500 a giugno come sorta di gara-allenamento con il mio gruppo, quindi con Bouih, Abdikadar e Nikolli, ma dovremo studiare come farla". Ma Crippa può dare anche qualche consiglio ai runner che ora possono ritornare all'aria aperta: attenzione a non strafare. "Non esagerate cercando di recuperare chilometri, ripartite con cautela", il consiglio di Yeman.