Fiona May, Larissa Iapichino e Gianni Iapichino (Ans)
Fiona May, Larissa Iapichino e Gianni Iapichino (Ans)

Roma, 16 luglio 2020 - Segnali incoraggianti dall'atletica azzurra arrivano dallla nona edizione del "Meeting Città di Savona-Memorial Giulio Ottolia", con le prestazioni di Filippo Tortu e Larissa Iapichino. Lo sprinter azzurro si conferma il numero uno sulla pista della Fontanassa vincendo la finale dei 100 metri in 10"12, davanti a Marcell Jacobs (10"14) e a Fausto Desalu (10"29). 

Il primatista italiano conferma la superiorità in pista su Jacobs, portando gli scontri diretti sul 3-1. Una rivalità che aiuta: infatti entrambi hanno migliorato quanto fatto pochi giorni fa nella prima stagionale a Rieti, dove Tortu aveva corso in 10"28 mentre il 25enne delle Fiamme Oro aveva fatto segnare 10"21. Bene duecentista Desalu, che ottiene il proprio personale. 

Fantastica la quasi 18enne Larissa Iapichino (li compie sabato), la saltatrice in lungo dell'Atletica Firenze Marathon, è volata a 6,80, diventando la seconda italiana di sempre. Infatti meglio di lei, nella storia del salto in lungo in Italia, c'è stata solo la sua mamma, Fiona May, che vanta due ori mondiali, due argenti olimpici e la misura di 7,11 in carriera. La Iapichino ottiene così il primato italiano under 20, piazzandosi a un centimetro dalla migliore al mondo tra i giovani, cioè la svedese Kaddi Sagnia (6,81).