Ayomide Folorunso
Ayomide Folorunso

Roma, 13 maggio 2020 - Il coronavirus ha risvegliato la parte migliore del paese, persone che hanno dato una mano in un momento di emergenza. Tra di loro tanti atleti e futuri medici che hanno prestato servizio per aiutare la comunità. E Ayomide Folorunso, oro alle Universiadi di Napoli, da futuro pediatra non ha potuto fare altro che apprezzare. Anche perché tanti specializzandi sono stati buttati nella mischia: neanche il tempo di laurearsi e c'era già bisogno di loro.

"Sono molto fiera dei miei colleghi atleti che da medici hanno dato una mano a tutti noi - ha affermato Folorunso ai canali Fidal - Tanti ragazzi non hanno esitato a spostarsi dalla corsia della pista a quella dell'ospedale e sono sicura che le mie competenze da atleta mi aiuteranno anche nel mio futuro da dottore". Ma oltre alla medicina, ora Folorunso ha potuto tornare ad allenarsi dopo mesi vissuti in casa con poco spazio: "La fase uno è stata pesante, in casa non ho tanto spazio e ho corso col contagocce, allenarmi mi è mancato come l'ossigeno. Ora per fortuna sono tornata al campo di Fidenza per ricostruire la mia forma. Farò un passo alla volta, vale anche nella battaglia contro questo virus per non sprecare quanto di buono fatto fino a qui".