Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
19 gen 2022

Addio Michelotti, l’arbitro diviso tra calcio e Verdi

Diresse 145 gare in A dal 1968 al 1981: onesto, trasparente e autorevole. L’altra sua grande passione era l’opera

19 gen 2022
Alberto Michelotti tra Cordova e Sandro Mazzola in un Roma-Inter del 1972
Alberto Michelotti tra Cordova e Sandro Mazzola in un Roma-Inter del 1972
Alberto Michelotti tra Cordova e Sandro Mazzola in un Roma-Inter del 1972
Alberto Michelotti tra Cordova e Sandro Mazzola in un Roma-Inter del 1972
Alberto Michelotti tra Cordova e Sandro Mazzola in un Roma-Inter del 1972
Alberto Michelotti tra Cordova e Sandro Mazzola in un Roma-Inter del 1972

Leo Turrini Alberto Michelotti, spentosi nella sua amatissima Parma all’età di 91 anni, non è stato soltanto uno dei più grandi arbitri nella storia del calcio italiano ed internazionale. Chi come me ha avuto la fortuna di conoscerlo può rendere testimonianza della vitalità di un personaggio che avrebbe reso felice, con le sue esuberanze, uno scrittore come il conterraneo Giovannino Guareschi. Con il fischietto in bocca, Michelotti segnò un’epoca. Dal 1968 (un Napoli-Varese) al 1981 (un Napoli-Juventus) diresse 145 partite di serie A, 115 di serie B e 86 sui palcoscenici internazionali. Non di rado paragonato, per gestualità e metodi imperiosi, al leggendario Concetto Lo Bello, in realtà Alberto era già un arbitro moderno, nel senso migliore del termine. Non era autoritario: era autorevole, che è cosa molto diversa. I maneggioni e gli intrallazzatori sapevano di dover girare al largo: Michelotti veniva da una infanzia aspra, aveva fatto la fame e aveva imparato in fretta il piacere dell’onestà. Anche nelle polemiche, immancabili a proposito di rigori e fuorigioco, non si lasciava intimidire. Era trasparente. Una volta Gianni Rivera, che era un mito, se la prese con l’arbitro alle prime armi venuto da Parma: ma capì in fretta di avere sbagliato bersaglio. Dicevo all’inizio che questo Don Carlo del fischietto è stato tanto altro e tante altre cose ha fatto, nella vita. Non a caso ho evocato il Don Carlo di Giuseppe Verdi: dell’immenso musicista Michelotti era un cultore appassionatissimo. Sapeva tutto del padre dell’Aida e il Teatro Regio di Parma per lui era come un santuario. Ho sempre avuto il sospetto che Alberto non rimpiangesse la svista per un rigore non dato: piuttosto gli bruciava di più non avere avuto i mezzi economici per diventare un concertista. Ancora. Lasciato il calcio, chi ama il ciclismo lo ricorderà nello staff che gestiva arrivi e ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?