Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
3 gen 2022

"Abbiamo Pechino nel mirino, ma che paura"

Sci Federica Brignone e l’attesa per le Olimpiadi, tra rischi di Covid e piste sconosciute: "Pronta a buttare via un mese, pur di fare bene"

3 gen 2022
gianmario bonzi
Sport

di Gianmario Bonzi Il mese e mezzo più importante della sua carriera. Conoscendola, non le piacerà molto questo incipit, ma dopo aver conquistato la Coppa del Mondo generale sarebbe bello, per l’Italia, per lei e persino per l’albo d’oro stesso, se nell’elenco delle campionesse olimpiche di sci alpino figurasse anche il suo nome. Ovvero quello di Federica Brignone, 31 anni, nata a Milano, ma cresciuta a La Salle, in Valle d’Aosta, dove tuttora risiede. Il 7 febbraio 2022 scatterà il gigante olimpico sulle piste sconosciute nel cluster di Yanqing, a 75 chilometri a nord-ovest di Pechino, dove è presente anche la sezione Badaling della Grande Muraglia, ed è probabilepossibile che Brignone (a fine stagione arriverà la quinta traiettoria del suo progetto a sostegno dell’ambiente, con a tema la decarbonizzazione), gareggi addirittura in tutte le specialità individuali, dallo slalom alla combinata. Federica, soddisfatta di questa prima parte di stagione? "Moltissimo. Chiaramente, manca qualcosa in gigante, spero di aggiungerlo da qui al 4 febbraio". Parliamone. "La seconda manche di Lienz mi lascia tanta fiducia, anche se bisogna farne due così, in gara. Ciò detto, vorrei ripartire proprio da quell’attitudine lì, dalla stessa concentrazione, lo stesso focus sulle cose giuste, senza stress, come invece mi era capitato in gara 1 a Courchevel. La nota negativa rimane la prima manche a Lienz, certo, dov’ero imbalsamata, son partita frenando persino sul piano. Ho fatto proprio fatica, poi però è arrivata una bella reazione che mi ha permesso finalmente di mostrare, parzialmente, ciò che da tempo stavo facendo in allenamento". In slalom è stata l’unica italiana al traguardo sia a Killington che Lienz, ma, come da programmi, non la vedremo in gara a Zagabria, domani, né tantomeno a Flachau, l’11 gennaio. Sarebbe pure nelle 30 della start list, quindi scenderebbe con il pettorale n°16... "Lo so, ma non posso sacrificare ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?