Lunedì 20 Maggio 2024

Pergola Doc. Un rosso pregiato fin dal Rinascimento

Già nel 1520 la produzione era ritenuta eccellente

La nostra storia. Il nome della Doc è quello di una cittadina con cinta murata fondata nel XIII secolo in quella che oggi è la provincia di Pesaro Urbino. Questa Vernaccia di Pergola, già nel 1520 era considerata un vino pregiatissimo, divenne quindi oggetto di scambio commerciale. Tra le Doc della Provincia è quella più giovane.

Il territorio. La zona di produzione è limitata all’area dell’alta Valle del Cesano che comprende i Comuni di Pergola, Fratte Rosa, Frontone, San Lorenzo in Campo e Serra Sant’Abbondio.

I vitigni si estendono quindi su terre collinari a componente siliceo-ghiaiosa non molto compatte, in un contesto climatico fresco ma temperato grazie all’influenza marina che arriva sino a questi crinali.

La coltivazione è principalmente Aleatico, una varietà di uva semiaromatica a bacca nera che ben si adatta a questi territori.

Caratteristiche. Ha un equilibrio di antociani e tannini molto piacevole sia al gusto che all’olfatto. Questo colore tenue e il tannino avvolgente lo hanno reso unico in un territorio dove prevale il sangiovese. Ha caratteristiche molto apprezzate da un cliente che cerca una non grande alcolicità, non tannico.

Il suo colore è limpido, rosso rubino brillante con i riflessi porpora. Al naso rileva intensi profumi floreali dal timbro moscato, sottili tratti speziati che ricordano chiodi di garofano.

Il sapore è pieno, armonioso e poco tannico, con tannini dolci che conferiscono una sensazione di morbidezza e rotondità. Per questo carattere il Pergola Doc è il giusto contraltare per degustare piatti a base di funghi e tartufi.

Prodotto anche in un’eccellente versione rosato.