Minorca

Minorca, non a caso, è stata una delle isole più invase della storia. La seconda (per grandezza) perla delle Baleari dispone di una serie di spiagge che lasciano senza fiato. 

Spiagge per tutti

Mitjana, Macarella, Macarelleta, Es Grau, Son Bou e tante altre. Sono duecento i chilometri di costa e le località di balneazione sono settanta. Offrendo una varietà speciale: da quelle con sabbia fine e bianca con acqua profonda, mentre nord ci sono scogliere e calette più piccole. Per tutti i gusti, famiglie, single, amici, coppie: questa è una delle ragioni del successo. Ecco perché nei secoli si sono alternati, Cartaginesi, Vandali, Bizantini, Normanni, Musulmani, Spagnoli e Inglesi, prima del ritorno sotto il governo iberico. Il nome Minorca è di origine romana, la dominazione che l’ha valorizzata per la sua importanza di porto strategico in questa zona del mediterraneo.

 

Shopping locale

Le spiagge ve le abbiamo segnalate, ma lo shopping è una delle altre grandi prerogative di Minorca. La bigiotteria e la pelletterialocale, soprattutto per le scarpe, sono celebri. E restano un’occasione speciale. 

Baia enorme

Il fulcro è chiaramente il capoluogo,Mahon, che rimane un paesone, ma ha una caratteristicadavvero speciale. La sua baia è speciale, molto grande. Nello specifico solo Pearl Harbournelle Hawaii dispone di un porto naturale maggiore.Ecco spiegato perché i romani la reputavano così importante. Il tempo scorre veloce, anche la notte. La movidaè nellaPlaça de s'Esplanada, centro nevralgico del divertimento. La forza di Minorca, oltre al clima speciale e al mare bellissimo è nella polivalenza delle proposte. Chi poi poi si fosse saturato del mare (ma è difficile) potrà sembra infilarsi le minorchine, i tipici sandali dell’isola e farsi un giro nell’entroterra, sul Sentiero dei Cavallio nei numerosi museio nei siti archelogici. Impossibile annoiarsi.

 

Tui Minorca