Reichstag, La cupola di vetro
Reichstag, La cupola di vetro

La caduta del muro nel 1989 ha dato un’ulteriore spinta all’ex capitale della Prussia. Che oggi è tutt’altro che ingessata, anzi è forse la città più giovane del Vecchio Continente.

“Mr. Gorbačëv, abbatta questo muro!”.

L’attrazione da non perdere però è decisamente storica. La Porta di Brandeburgo è forse l’emblema dell’intera nazione, con la sua celebre quadriga in cima e il riferimento mitologico all’antica Grecia. Molto amata dagli stessi prussiani, futuri tedeschi, che la edificarono nel 1791. Proprio davanti alla grande porta fu eretto il Muro. E dalla stessa il presidente americano Ronald Reagan pronunciò il famoso discorso che ebbe l'apice nella frase "Mr. Gorbačëv, abbatta questo muro!". Era il 1987 e Reagan fu buon profeta. E artefice. Per tanti motivi la porta di Brandeburgo scatena emozioni, in qualunque turista.

Per non dimenticare

Da non perdere, per tenere sempre vivo il ricordo, il Memoriale dell’Olocausto, realizzato con 2711 blocchi di cemento rettangolari, dedicato agli ebrai vittime delle persecuzioni naziste.

Checkpoint Charlie è un altro momento della storia contemporanea. Una delle icone della Guerra Fredda e della Cortina di Ferro. La guardiola dell’esercito americano, dove diplomatici e chi aveva il permesso, passava da Berlino Ovest a Berlino Est era l’ultimo avamposto del mondo libero. E’ stata ricostruita con grande precisione e permette immaginare l’atmosfera dal 1961 al 1990.

La cupola di vetro

Altro crocevia è il Reichstag, attuale sede del parlamento federale tedesco (da 19 anni), ma palazzo storico a tutti gli effetti. Nato con l’impero tedesco, ha visto la nascita della Repubblica di Weimar e purtroppo anche l’avvento di Aldolf Hitler. Nel 1992 il Reichstag è stato profondamente restaurato e l’architetto Foster, che ha creato la grande cupola di vetro (a riferimento dell’orginale) che permette, su prenotazione, una delle visuali più suggestive di Berlino.

Tiergarten è il Central Park della capitale tedesca: 342 ettari di puro respiro. Con una vegetazione suggestiva, perchè si tratta di una ex riserva di caccia. Attraversato da corsi d'acqua e sentieri e la superficie sud-ovest del parco ospita lo Zoo di Berlino.