I familiari delle vittime in aula per il processo di Rigopiano
I familiari delle vittime in aula per il processo di Rigopiano

Pescara, 27 settembre 2019 - "Più di 32 mesi di sgomento e di rabbia, perché siamo pienamente consapevoli e fortemente convinti che i nostri angeli sono stati abbandonati lassù ad aspettare la morte, nonostante chiedessero disperatamente aiuto". Con questi sentimenti nel cuore, messi per iscritto in una lettera aperta del comitato vittime, i familiari di Rigopiano sono tornati in tribunale a Pescara questa mattina per l'udienza preliminare. "Tutta l’Italia e non solo, speriamo, seguirà lo svolgimento del processo, perché le persone di buon senso si aspettano come noi tutta la verità e la piena giustizia", dicono. Sono 25 le richieste di rinvio a giudizio.