Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Economia Sport Motori Tech Magazine Salute Itinerari

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

A Camerino, nel cantiere delle casette a due piani

Unico esempio nell'area del terremoto. Costano 940 euro a metro quadro, lavori di urbanizzazione compresa (contro la media di 2.700 euro delle Sae). Fine lavori: luglio

Ultimo aggiornamento il 16 maggio 2018 alle 09:52

Camerino, 15 maggio 2018 - "Costano 940 euro al metro quadro, la cifra comprende Iva, spese tecniche, consolidamento dell’area e lavori di urbanizzazione. Sono a due piani, cosa che consente di occupare meno territorio e di ottimizzare i costi su impianti e coperture". È la scheda tecnica dello studentato di Camerino (video), cantiere che nelle previsioni si dovrebbe chiudere a luglio. Mette in fila numeri e scadenze Raffaele De Col, ingegnere, responsabile del dipartimento Infrastrutture e mobilità nella Provincia di Trento. Grande esperto di casette post terremoto. Ha costruito a Villa Sant’Angelo e Onna. Proprio in Abruzzo, per la prima volta, ha sperimentato la modalità a due piani. Lo studentato di Camerino – intervento da 9,4 milioni coperto da Trentino, Alto Adige e Sud Tirolo per una superficie lorda  di 10mila metri quadri che ospiterà 460 universitari – è l’unico esempio di alloggio a due piani nell’area del sisma 2016. Sono infatti a unico piano le Sae – soluzioni abitative d’emegenza – costate in media 2.700 euro a metro quadro, come hanno dimostrato i conti di un altro ingegnere, Roberto Di Girolamo, che a Camerino vive e lavora. Ricorda Di Girolamo: "Nell’appalto Consip in origine era prevista anche l’opzione a due piani. Ma poi le ditte hanno proposto la soluzione più semplice da realizzare, certo nessuno poteva immaginare che ci sarebbe stato il terremoto. A incidere sui costi sono stati soprattutto i lavori di urbanizzazione, perché gli interventi sono in aree di montagna molto complesse. Lo studentato di Camerino dimostra che si poteva risparmiare, su costi e territorio".

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.