Si aprirà il 5 marzo e si chiuderà il 2 giugno 2020. Con duecento capolavori, 50 provenienti dagli Uffizi sarà la più corposa monografica mai dedicata a Raffaello in 500 anni dalla sua morte. Realizzata a Roma nelle Scuderie del Quirinale (appartenenti alla Presidenza della Repubblica e gestite dal Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo attraverso la società Ales), in collaborazione con le Gallerie degli Uffizi, la mostra è curata da Marzia Faietti e Matteo Lafranconi con il contributo di Vincenzo Farinella e Francesco Paolo Di Teodoro. La mostra è pensata come un dialogo tra la Capitale e Firenze: in modo che la mostra di Roma possa essere completata dalle opere di Raffaello che resteranno al loro posto a Firenze.