Quotidiano Nazionale logo

LIGURIA - PIEMONTE - VALLE D'AOSTA

Specialità regionali senza tempo

La Crescia Valdostana
La Crescia Valdostana

Diamo una sbirciata alla tradizione pasquale in Liguria, Valle d’Aosta e Piemonte: tre regioni che hanno come comune denominatore la passione per il buon cibo e per le tradizioni. Ad esempio quella pasquale in cui, in tavola, non possono certamente mancare quelli che vengono considerati i piatti tipici. Che si tratti di antipasti, primi, secondi o dolci, l’imperativo è sempre e soltanto uno: puntare tutto sul gusto! Vi riportiamo la ricetta della panissa fritta ligure che fa sempre capolino in tavola per Pasqua e della crescia valdostana, una torta a base di formaggi stagionati, uova, olio e abbondante pepe nero che ricorda la versione marchigiana negli ingredienti oltre che nel nome. E poi il "Salame del Papa", direttamente dal Piemonte: per i tantissimi amanti del cioccolato!

Panissa fritta
INGREDIENTI E DOSI
• 300 g di farina di ceci
• 1 l di acqua
• 5 g di sale fino
• pepe nero q.b.
• 700 g di olio
• di semi di arachide
Setacciate la farina di ceci all’interno di una ciotola capiente, poi aggiungete sale e pepe e versate a filo l’acqua mescolando la farina con una frusta . Mettete il composto in un tegame (meglio in una pentola di rame) ma se non ne avete va bene una in acciaio. Cuocete il composto a fuoco molto basso e continuate a mescolare con la frusta fino a quando non otterrete un impasto più sodo. Mettete da parte la frusta, prendete un cucchiaio di legno e proseguite a mescolare fino a quando il composto non si staccherà dalle pareti (servirà almeno un’ora e un quarto di cottura).
Finita la cottura, prendete uno stampo rettangolare tipo quello che si usa per la preparazione dei plum cake e versate all’interno il composto cotto. Livellate la superficie con il dorso di un cucchiaio e quando il composto si sarà raffreddato, ricoprite lo stampo con la pellicola per alimenti. Lasciate riposare per un paio di ore in frigo, quindi rovesciate lo stampo su un tagliere in modo che la panissa fuori esca e tagliatela a fette prima e a cubetti poi. Passate a friggere: 5 minuti fino a quando i cubetti non saranno dorati. Scolate, trasferite i cubetti su un vassoio rivestito di carta assorbente e serviteli quando ancora sono bollenti.
Fonte: giallozafferano.it
Persone: 4 | Tempo: 20 minuti | Difficoltà **

Crescia valdostana
INGREDIENTI E DOSI
• 500 g di farina
• 130 g di olio EVO
• 120 g di parmigiano
• 40 g di pecorino
• 3 uova
• 30 g di lievito di birra fresco
• un cucchiaino di sale
• 10 g di burro
• pepe nero q.b.
La crescia valdostana è piuttosto simile, nella ricetta, a quella marchigiana ma da essa si differenzia perché gli albumi vengono montati a neve donando una consistenza soffice e molto friabile. E inoltre, la crescia della Val d’Aosta non prevede l’utilizzo del latte, bensì di moltissimi formaggi filanti e gustosi che daranno alla ricetta un sapore molto particolare.
La preparazione non è troppo elaborata, quindi adatta anche per chi non ha particolare dimestichezza ai fornelli. Per prima cosa sciogliete il lievito in 100 grammi di acqua tiepida, quindi aggiungete100 grammi di farina, mescolate e fate lievitare per circa un’ ora. A parte separate i tuorli dagli albumi, sbattete i tuorli, unite l’olio e tutti i formaggi grattugiati, nelle quantità indicate. Aggiungete l’impasto lievitato, il sale e il pepe. Procedete poi a montare gli albumi e quando saranno spumosi uniteli al composto.
A questo punto trasferite l’impasto nell’impastatrice, avviatela e aggiungete la farina un po' alla volta. Lavorate fino a ottenere un impasto elastico; ungete una teglia da 25 centimetri di diametro e versatevi l’impasto. Fate lievitare bene finché la crescia non riesce a riempire la teglia. A questo punto cuocete a 180° per circa 35 minuti.
Fonte: agrodolce.it
Persone: 8 | Tempo: 60 minuti | Difficoltà ***

Salame del Papa
INGREDIENTI E DOSI
• 200 g di cioccolato fondente al 55%
• 100 g di burro
• 100 g di biscotti secchi
• 150 g di zucchero
• 10 g di rum
• 10 g di cacao amaro in polvere
• zucchero a velo q.b.
Dolce tipico del Piemonte ma conosciuto in tutta Italia. Facile da preparare, perchè non prevede cottura. La prima regola da seguire è che gli ingredienti utilizzati devono essere a temperatura ambiente. Per prima cosa tritate il cioccolato fondente e fatelo sciogliere nel microonde o a bagnomaria.
A parte versate il burro e lo zucchero in una ciotola e cominciate a lavorare con le fruste. Quando il burro sarà diventato cremoso, versate il rum a filo continuando a mescolare. Aggiungete il cioccolato intiepidito, mescolate e incorporate anche il cacao amaro facendo attenzione ad amalgamare il tutto fino ad ottenere un composto omogeneo. Quindi procedete con lo sbriciolare i biscotti secchi con le mani aggiungendoli al composto di cioccolato.
Prendete un foglio di carta forno e versate il composto al centro, modellandolo con le mani per dargli una forma il più possibile cilindrica. Quindi avvolgete la carta forno intorno al cilindro e infine arrotolate le estremità per sigillare il tutto. Mettete il rotolo in frigorifero per almeno un paio di ore quindi toglietelo, eliminate la carta forno e spolverate con dell'abbondante zucchero a velo. Il Salame del Papa è pronto per essere portato a tavola e gustato!
Fonte: giallozafferano.it
Persone: 8 | Tempo: 40 minuti | Difficoltà ***

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?