Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Economia Sport Motori Tech Magazine Salute

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Il vicepresidente di Google News: "Il fact checking, l'arma anti-bufale"

Parla Richard Gingras, che spiega la sua concezione di giornalismo: "Non è solo business"

Ultimo aggiornamento il 25 maggio 2018 alle 17:36

La Bagnaia (Siena), 25 maggio 2018 - "Il giornalismo non è solo business, il giornalista ha un ruolo importante nella società. Il giornalismo è dare ai cittadini gli strumenti per essere buoni cittadini". Parola di Richard Gingras, vice presidente di Google News. L'aggregatore di notizie di Google è stato più volte nell'occhio del ciclone, accusato di "rubare" le notizie alle testate per la sua homepage.

Gingras rivendica per Google un importante ruolo nella lotta alle bufale e alle fake news. Grazie allo strumento del fact check, alla segnalazione delle news che spiegano e danno strumenti ai cittadini per capire un fenomeno politico o una malattia.

"Internet offre molta più scelta che in passato per quanto riguarda la scelta degli articoli da leggere. E ha soppiantato i giornali. Un tempo erano loro l'internet della collettività. C'erano gli annunci per acquistare un'auto, c'erano le ricette. Notizie quasi banali ma che attiravano molta pubblicità. Oggi non è più così", dice Gingras. 

Che vede nel futuro la valorizzazione delle notizie locali. Cosa che accade già molto negli Stati Uniti. Cita alcuni portali che hanno aggregato intorno a loro la comunità locale del posto. Si tratta di quella "democratizzazione" delle notizie, di quel giornalismo di qualità che parla sinceramente ai lettori che, di contro, lo premiano. Anche abbonandosi.

"E gli abbonamenti che crescono sono un cambiamento salutare - dice Gingras - Rappresentano un grande valore per la collettività". Insieme appunto a quel giornalismo costruttivo che ha nel fact check il suo cuore. Fact check utilizzato ad esempio "da comunità scientifiche. Perché è chiaro che se io cerco se il cancro si cura con il nocciolo di pesca troverò purtroppo anche articoli che dicono che il cancro effettivamente si cura con il nocciolo di pesca. Credo nel giornalismo non solo come modello di business. I cittadini devono capire quanto sia importante fare luce sulle società e se i governi lavorano per noi oppure no". 

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.