Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Economia Sport Motori Tech Magazine Salute

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

In evidenza: Audemars Piguet Royal Oak 15202ip

a cura di Michele Mengoli
Ultimo aggiornamento il 5 giugno 2018 alle 10:46
Audemars Piguet Royal Oak

Tutto è iniziato con un modello che neppure è stato capito – e quindi anche poco venduto – per quanto era avanti dal punto di vista estetico e concettuale. Troppo grande per le abitudini dell’epoca e troppo costoso per essere un apprezzato sportivo in acciaio, ma con un sopraffino movimento automatico extra-piatto tuttora ineguagliabile per classe meccanica. Eppure la leggenda è iniziata così. Nel 1972. Con il Royal Oak Referenza 5402, disegnato dal grandissimo Gerald Genta (1931-2011), e denominato “Jumbo” perché i 39 mm di diametro di quella cassa con bracciale integrato si facevano notare allora come oggi, con il successore in acciaio che adesso prende il nome di Referenza 15202: con quadrante blu “Petite Tapisserie”, senza la lancetta dei secondi e datario a ore 3. Con ancora quel movimento divenuto nel frattempo leggendario (come il resto dell’orologio): il celeberrimo Calibro 2121 (basato sullo Jaeger-LeCoultre 920 e peraltro mai utilizzato in un suo orologio, che un tempo era incassato anche nel Nautilus e nel Vacheron Constantin 222). Raffinatissimo movimento automatico extra-piatto, che in un’altra versione diventa anche un pregevole calendario perpetuo aggiungendovi il modulo indicante settimana, giorno, data, fasi luna, mese e anno bisestile.

Mentre questa in foto è la nuova versione del Jumbo, ancora più di nicchia, la Ref. 15202IP: con cassa satinata in titanio – sempre del diametro di 39 mm – e lunetta lucida in platino. Tutto il resto non cambia, movimento compreso.

Audemars Piguet, con il Jumbo, ha poi dato il via, nel corso dei decenni, a quella che probabilmente è la collezione più esaustiva nell’alto di gamma sportivo, comprendente tante declinazioni tutte a loro modo di successo: dal Jumbo ai fantasmagorici pluricomplicati con ripetizione minuti, equazione del tempo e tourbillon, senza dimenticare la “muscolosa” linea OffShore, anche in versione subacqueo professionale con il Diver, fino al più sobrio Royal Oak Cronografo.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.