Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Economia Sport Motori Tech Magazine Moda Salute Itinerari

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Dalla manifattura al prodotto, tra il meglio che c’è

a cura di Michele Mengoli
Ultimo aggiornamento il 5 giugno 2018 alle 10:47
Bulgari Octo Finissimo Tourbillon Automatico

Nel marketing dell’orologeria più o meno tutti parlano di “eccellenza”. Nel nostro caso intendiamo qualcosa di molto concreto, che parte da una reale manifattura all’avanguardia della tecnica e della maestria orologiera per decorazioni e attenzione al singolo segnatempo, fino all’orologio che va ad allacciarsi al polso del fortunato appassionato che ha la disponibilità economica per acquistare una tale eccellenza. In verità questa è una selezione e tante altre realtà che compaiono nell’approfondimento odierno potrebbero avere i titoli necessari per essere in questa pagina. Però è comunque una selezione ragionata. Sono stati presi in considerazione produttori che fanno dai mille orologi fino a qualche decina di migliaia di pezzi l’anno. E che hanno una particolare predisposizione per l’aspetto meccanico e le relative decorazioni, considerate da molti appassionati come il valore aggiunto dell’alta gamma. Ecco che allora la collezione Royal Oak di Audemars Piguet per storia (dal 1972 a oggi), vastità di modelli, sperimentazione di materiali e complicazioni introdotte, è un punto di riferimento assoluto. A livello di manifatture, seppur con storie più brevi alle spalle, gli investimenti fatti da Bulgari, Chopard e Parmigiani, sono altrettanto encomiabili. E a maggior ragione è da elogiare anche il percorso più giovane e piccolo in termini economici intrapreso dalla famiglia Meylan con H. Moser & Cie. Ecco l’eccellenza.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.