Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
8 giu 2022

Inter fai presto, su Dybala c’è già l’Atletico

Marotta deve prima cedere Vidal e Sanchez, ma da Madrid premono per Paulo. E se arriva anche Lukaku deve partire Lautaro

8 giu 2022
Paulo Dybala, 28 anni: valutato 110 milioni nel 2018, oggi ha un valore teorico di 35 milioni ma l’Inter può assicurarselo a costo zero
Paulo Dybala, 28 anni: valutato 110 milioni nel 2018, oggi ha un valore teorico di 35 milioni ma l’Inter può assicurarselo a costo zero
Paulo Dybala, 28 anni: valutato 110 milioni nel 2018, oggi ha un valore teorico di 35 milioni ma l’Inter può assicurarselo a costo zero
Paulo Dybala, 28 anni: valutato 110 milioni nel 2018, oggi ha un valore teorico di 35 milioni ma l’Inter può assicurarselo a costo zero
Paulo Dybala, 28 anni: valutato 110 milioni nel 2018, oggi ha un valore teorico di 35 milioni ma l’Inter può assicurarselo a costo zero
Paulo Dybala, 28 anni: valutato 110 milioni nel 2018, oggi ha un valore teorico di 35 milioni ma l’Inter può assicurarselo a costo zero

Mattia Todisco

C’è ancora da aspettare. Non è questione di giorni, per Paulo Dybala all’Inter. C’è la possibilità che accada, le parti sono interessate a chiudere l’accordo, ma ci sono diversi incastri che devono finire al proprio posto. L’argentino al primo luglio sarà free agent. Prima di quella data, però, vorrebbe avere chiaro il suo futuro. Si è preso un po’ di tempo, con l’entourage, per valutare bene le opzioni. Se l’Inter non avesse alcune questioni da risolvere, probabilmente sarebbe molto più vicino l’annuncio, perché Dybala piace a Marotta e Ausilio e la destinazione è gradita al giocatore. Ma quei 7 milioni a stagione per un triennale potranno essere messi a bilancio solo una volta partiti Vidal (che dovrebbe lasciare Milano tramite una buonuscita da 4 milioni) e Sanchez (non ha clausole di chiusura del contratto ma potrebbe trattarla se non dovessero arrivare offerte a breve). C’è poi la variante Lukaku. All’Inter non c’è molta fiducia nel fatto che possa riuscire a liberarsi in prestito entro giugno dal Chelsea, sebbene il passaggio temporaneo ai nerazzurri possa rivalutare un flop da 115 milioni.

Ma c’è poco tempo e la proprietà subentrante a Londra deve ancora decidere a chi affidare le chiavi del management. Forse al tecnico Tuchel, che quindi diventerebbe un manager a tutti gli effetti. Con Lukaku di nuovo in nerazzurro, tra Dybala e Martinez potrebbe restarne uno solo oppure (visto che in via della Liberazione c’è tutta l’intenzione di trattenere Lautaro) il progetto che porta alla "Joya" potrebbe essere accantonato. E in quel caso avrebbe la meglio l’Atletico Madrid che sta lavorando sottotraccia ma con decisione per assicurarsi l’argentino. In casa Juve, dove Dybala è il passato, il presente è Paulo Pogba. Come Lukaku, pensa di tornare alla vecchia casa. Diversamente dal centravanti, ha in mano il suo cartellino. Sta riflettendo, vede nel Paris Saint-Germain un’altra possibile destinazione. Intanto si pensa a Di Maria (anch’egli in cerca di nuove avventure da parametro zero) e si pensa al futuro dei "senatori". In primis Cuadrado, che ha un contratto a 5 milioni netti per il 2023. La dirigenza vorrebbe "spalmarlo" su due anni, il colombiano nega di aver mai ricevuto proposte. "Io mi sento molto bene alla Juventus, in nessun momento ho rifiutato nessuna proposta, perché mai c’è stata una trattativa. Ho grande rispetto per il mio club e per i miei compagni", il messaggio su Twitter scritto in ore nelle quali circolano rumors di un possibile inserimento dell’Inter. I nerazzurri, a destra, sembrano però voler puntare sul più giovane Bellanova.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?