Giuseppe Morini
Giuseppe Morini
Gli spettatori che stanotte – San Silvestro – si sintonizzeranno con Abc per lo speciale di Capodanno ‘Rockin’Eve’ condotto da Ryan Seacrest avranno modo di conoscerli se già non l’hanno fatto durante i mesi della loro consacrazione americana. I Maneskin, la band romana rivelazione mondiale di un 2021 che li ha visti trionfare all’Eurovision Song Contest e agli Mtv Ema nella categoria ’Best Rock’, si esibiranno infatti a Los Angeles proprio nelle ore in cui arriva il dato di ascolto su Spotify dell’album ‘Teatro d’ira Vol. 1’: un miliardo di streming. L’anno d’oro di questi quattro amici (il leader Damiano David, la bassista Victoria De Angelis, il chitarrista Thomas Raggi e il batterista Ethan Torchio) è cominciato a marzo con la vittoria del 71° Festival di Sanremo con il brano Zitti e buoni. Vincono, come detto, anche l’ Eurovision Song Contest 2021 il 22 maggio e aprono il concerto dei Rolling Stones a Las Vegas a novembre dopo un tour americano di grande successo. Sono stati infine ospiti della finale di X-Factor 2021, proprio il talent che li aveva scoperti e premiati nell’edizione 2017. Con 6 dischi di...

Gli spettatori che stanotte – San Silvestro – si sintonizzeranno con Abc per lo speciale di Capodanno ‘Rockin’Eve’ condotto da Ryan Seacrest avranno modo di conoscerli se già non l’hanno fatto durante i mesi della loro consacrazione americana. I Maneskin, la band romana rivelazione mondiale di un 2021 che li ha visti trionfare all’Eurovision Song Contest e agli Mtv Ema nella categoria ’Best Rock’, si esibiranno infatti a Los Angeles proprio nelle ore in cui arriva il dato di ascolto su Spotify dell’album ‘Teatro d’ira Vol. 1’: un miliardo di streming.

L’anno d’oro di questi quattro amici (il leader Damiano David, la bassista Victoria De Angelis, il chitarrista Thomas Raggi e il batterista Ethan Torchio) è cominciato a marzo con la vittoria del 71° Festival di Sanremo con il brano Zitti e buoni. Vincono, come detto, anche l’ Eurovision Song Contest 2021 il 22 maggio e aprono il concerto dei Rolling Stones a Las Vegas a novembre dopo un tour americano di grande successo. Sono stati infine ospiti della finale di X-Factor 2021, proprio il talent che li aveva scoperti e premiati nell’edizione 2017. Con 6 dischi di diamante, 133 di platino e 34 d’oro a livello globale e quasi 4 miliardi di streaming su tutte le piattaforme digitali, sono gli italiani più ascoltati al mondo su Spotify nel 2021

Nell’anno record dell’Italia che si è scrollata di dosso ogni concorrente a più livelli, dallo sport, alla canzone, alla scienza, raggiungendo il tetto d’Europa e del mondo durante tutto l’anno solare, è arrivato a maggio il trionfo dei Maneskin all’Eurovision Song Contest, esattamente 31 anni dopo quella di Toto Cutugno con il singolo Insieme: 1992. Battendo la Francia, rappresentata da “Voilà” di Barbara Pravi, i Måneskin hanno conquistato il pubblico europeo ma anche milioni di fan nel mondo, arrivando anche ad aprire il concerto dei Rolling Stones e vincendo gli Mtv Europe Music Awards tenutesi a Budapest. Sul palco ungherese della Papp László Budapest Sportaréna si sono esibiti sulle note del singolo Mammamia facendo scatenare il pubblico presente e quello a casa. Si erano presentati ai nastri di partenza con ben tre prestigiose nomination ma hanno trionfato come Best Rock: la prima volta per l’Italia in una categoria internazionale. E su Instagram dove hanno cinque milioni e settecentomila follower Victoria non ha mancato di posare in modo provocante leccando spudoratamente il trofeo mentre il ringraziamento postato fu “Best Rock, andiamo! Questo premio ha un grande valore per noi. Grazie agli MTV Europe Music Awards per tutte le candidature e per averci permesso di suonare su un palco così da sogno e grazie infinite a tutti coloro che ci hanno supportato e votato, vi amiamo!”.

L’ascesa è stata completata dall’invito dei Rolling Stones a salire sul loro palco come opening act a Las Vegas. Incontrare una delle rock band che hanno fatto la storia della musica, per i quattro ragazzi capitolini ha avuto un significato ulteriore visto che le canzoni di Jagger & C. 5 anni fa fecero prendere in mano per la prima volta gli strumenti a quelli che di lì a poco sarebbero, appunto, diventati i Maneskin. Un altro dei prestigiosi traguardi che nessun altro artista italiano è stato in grado di ottenere Oltreoceano prima di loro, svettati in cima alle classifiche di tutto il mondo e ospiti di programmi cult come il Tonight Show di Jimmy Fallon (uno dei più visti d’America) o l’Ellen DeGeneres Show, dove i Maneskin si sono esibiti l’8 novembre. Senza contare poi il duetto sulle note di I wanna be your slave con un’icona come Iggy Pop e la candidatura a un American Music Awards nella categoria Favorite Trending Song con il brano cover dei Four Season Beggin, fino ad arrivare ai selfie al fianco di Keith Richards e Mick Jagger. "Che notte, grazie Rolling Stones! È il miglior ricordo di sempre", ha scritto sul proprio account Instagram il gruppo capitanato da Damiano che, davanti ai 60 mila spettatori di Las Vegas, ha dimostrato di meritare tutto il successo ottenuto fino a oggi.

Ma non è solo una questione di rinascita e resurrezione dell’Italian Rock, benedetto anche dal nostro numero uno, Vasco Rossi, che si è complimentato con loro e ne ha apprezzato lo stile. I Maneskin sono diventati anche icone per i loro apprezzatissimi look. Al Milano Rock Festival del 2018 Victoria De Angelis si presentò in corpetto di pelle nero con borchie, calza a rete e dettagli animalier. Nello stesso anno, ospiti di X Factor, si presentarono invece elegantissimi in outfit sui toni del bianco e dell’argento che qualche anno dopo fece inquietare i Cugini di Campagna che li accusarono di copiarli. Mentre erano tutti ‘vellutati’ all’Eurovision, denudandosi tra lattice e borchie color uva rossa o con trasparenze assassine in accoppiata con la pelle nera al momento dell’esibizione. Una tendenza trasgressiva che Damiano impersona perfettamente quando si presenta in maglia a rete e rossetto nero per un look total black o indossando colori canditi come il rosa barbie. A Milano la loro immagine svetta nel cuore di Brera sull’art wall di Gucci, come interpreti della collezione Aria. Plumage all over nei look di Damiano, Victoria, Ethan e Thomas, definiti dalla maison “icone di un eros gioioso, impetuoso e rivoluzionario”. Secondo il racconto di Alessandro Michele, che li ha scelti personalmente, la collezione Aria rappresenta "la nascita di Eros, forza antica e primigenia, che guida il desiderio attraverso il tentativo di ricucire una separazione“. E con queste credenziali si sono presentati in tartan sui toni del giallo anche alla presentazione delle nomination dei Grammy Award. Un successo di contenuto ma anche di forma.