Le mura di Pisa
Le mura di Pisa

FORGET THE LEANING TOWER, ma non dimenticate le mura medievali. Sì, avete capito bene. Pisa non è solo il campanile pendente conosciuto in ogni angolo del globo. Almeno da qualche anno. Da quando si sono iniziate a riscoprire e valorizzare le tradizioni storiche, da quando si è pensato che potesse esistere turismo e cultura ben oltre l'impareggiabile Piazza dei Miracoli. Le recuperate mura oggi sono pedonali e rappresentano un originalissimo punto di osservazione della città della Torre.

Pisa val bene una visita, ma anche la vicina Pontedera che, nonostante il suo passato industriale legato ai motori, ha carattere, stile e un tessuto commerciale come pochi in Toscana. Ma oltre lo shopping c'è di più, naturalmente, perché la cultura rappresenta un interessante volano per la città sul fiume Era. Merita una sosta il Museo Piaggio (gratuito), dove la storia della Vespa e della mitica Ape è raccontata attraverso un'esposizione che diverte e stupisce grandi e piccoli. Il passo è breve dal capoluogo della Valdera a una minuscola frazione di origine feudale nel vicino comune di Ponsacco, ovvero Camugliano, ove non passa inosservata la scenografica e turrita Villa Medicea. Fermatevi per un selfie all'inizio del viale alberato. Basterà a fermare il tempo sul vostro cellulare. Bloccare l'incedere degli anni è semplice, perché è il carattere autentico di posti e persone ad accogliervi come i viandanti di un tempo. I borghi di Capannoli, accarezzato da morbide colline, e Peccioli che domina la campagna sulla direttrice per Volterra, sono un approdo sicuro. E' un bel borgo Peccioli. Di chiara origine medievale, fu luogo di scontro tra guelfi indigeni e ghibellini pisani. La vocazione agricola ha lasciato spazio al turismo, oggi risorsa inesauribile per la capacità di attrazione di questi luoghi. Un turismo che strizza l'occhio anche ai bambini con il 'Parco Pecciolo Avventura' e il recentemente restaurato 'Parco Preistorico' dove far vivere ai vostri bambini un'emozione da Giurassic Park. Arte sacra, archeologia e, ad esempio, gli affreschi di Benozzo Gozzoli nella frazione di Legoli, potranno ricompensare del viaggio anche gli adulti con elevato tasso di consapevolezza. Culturale, ma soprattutto mentale, perché l'essenza di questi luoghi la dovrete assaporare sorso dopo sorso, selciato dopo selciato, scoperta dopo scoperta.

Magari sorseggiando un buon sangiovese dopo aver giocato a nascondino tra le tortuose stradine di Terricciola, oppure contemplando l'idea di imbattervi in un rudere di mille anni fa nei borghi fantasma di Villa Saletta e Toiano. Il mistero aleggia a Montefoscoli dove, in mezzo a un bosco, sorge il Tempio di Minerva Medica, eretto nel 1823 per celebrare un noto chirurgo pisano. In realtà si dice che l'edificio sia stato anche tempio massonico. La cosa vi stupisce?

Siete nel Comune di Palaia ed è bene che sappiate che questi luoghi sono location naturali per i set dei film. I fratelli Taviani hanno girato qui La notte di San Lorenzo e Fiorile, mentre Paolo Virzì ha scelto la zona per ambientarci Io e Napoleone. Cinema ma anche musica: l'arte non ha confini nelle Terre di Pisa: basti un nome, Andrea Bocelli e il suo Teatro del Silenzio. E allora perché non mettere in cantiere una sosta a Lajatico?

A spasso lungo le mura

Tre chilometri di emozioni, tre chilometri di storia da toccare con la punta delle dita. Passeggiare sulle restaurate mura di Pisa è un'esperienza da vivere assolutamente per allungare i tempi di visita della città. Che non si limiti solo alla Torre che, peraltro, dal monumento difensivo può essere osservata da un punto di vista assolutamente inedita e originale. Visite guidate prenotabili on line e possibilità di esplorare anche la bella Torre di Santa Maria.

Ma che bella la Vespa

Il Museo Piaggio è una piccola grande scoperta culturale e rende Pontedera meta papabile per una gita di una giornata. All'interno le collezioni dei best seller dell'azienda e interessanti mostre a tema, dedicate al mondo Vespa e non solo. Ingresso libero.

Borgo di Lari, quella rocca è un gioiello

L'antico borgo di Lari, di origine medievale ma abitato già dagli etruschi, è un gioiello incastonato nella campagna toscana. Nel XIV secolo fu sede del vicariato fiorentino, periodo in cui la rocca visse il massimo splendore. Per oltre quattro secoli il Castello di Lari amministrava un terzo dell'attuale provincia di Pisa.

Ai Bagni di Casciana

Da mille anni Casciana rappresenta il cuore caldo della Toscana. In questo luogo magico e silente delle colline pisane, si può godere dei benefici delle acque e dei trattamenti legati al benessere. Benessere che si ritrova anche a tavola considerata l'importante offerta gastronomica che questi luoghi regalano.

Peccioli, piccolo grande borgo

Palazzo Pretorio, Museo Archeologico, Museo d'Arte Sacra e Torre Campanaria. Ma non è tutta qui Peccioli che per dimensioni presenta un'offerta culturale da grande città. Un motivo in più per dedicare una sosta 'allungata' a questo borgo stupendo.