22 apr 2022

"La sostenibilità? Un elemento chiave per la crescita"

La sostenibilità come driver centrale nella crescita dei prossimi 3 anni. C’è questo alla base del nuovo piano industriale di Banca Generali, come conferma a Quotidiano Nazionale il General Counsel e Responsabile della Sostenibilità, Carmelo Reale (nella foto in basso).

Dottor Reale, cosa significa per voi sostenibilità?

"La sostenibilità ha sempre avuto un ruolo centrale nella strategia di Banca Generali in scia all’eccellenza del Gruppo Generali in materia. Per questo abbiamo voluto metterla al centro del nuovo piano industriale".

In che modo pensate di farlo?

"Già dal 2019 integriamo i principi della sostenibilità nella nostra governance e negli ultimi 18 mesi abbiamo compiuto uno sforzo significativo per aumentare l’impegno. L’approccio commerciale legato ai temi della sostenibilità ha marcato un’impronta distintiva nel settore. A questo si è aggiunta una profonda revisione di tutte le corporate policy, in particolare in tema di governance, investimenti, finanza e politiche sul credito, allineando la Banca alle best practice internazionali".

Che riscontri avete avuto finora?

Le iniziative intraprese non sono passate inosservate. Nel dicembre 2021 abbiamo ricevuto il punteggio 9.2 (negligible risk) da Sustainalytics posizionandosi al primo posto su 449 asset manager internazionali ed entro i TOP 100 tra le oltre 15.000 società monitorate. Standard Ethics ci ha invece dato un giudizio di EE (strong) migliorando l’outlook a ‘Positive’".

E poi?

"Siamo entrati inoltre a far parte dell’indice FTSE MIB ESG che riunisce le migliori società in termini di sostenibilità tra le italiane quotate in Borsa".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?