Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Economia Sport Motori Tech Magazine Moda Salute Itinerari

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

"La vendemmia 2018 promette bene"

L'enologa Barbara Tamburini: "L'acqua non è mancata, sia in primavera che in agosto, e le uve sono molto belle"

di Luca Bonacini
Ultimo aggiornamento il 30 agosto 2018 alle 11:48
Barbara Tamburini

SEMPRE di più il vino attrae giovani determinate, che scelgono percorsi formativi di primissimo livello, si laureano in enologia, e vanno a collocarsi in wine factory di nome, confermando il proprio valore sul campo. Come è stato per Barbara Tamburini che dopo la laurea in Viticoltura ed Enologia all’Università di Pisa nel 1999 diventa enologo, e oggi è consulente di oltre quindici cantine distribuite tra Toscana, Umbria, Emilia Romagna, Piemonte, Lombardia e Sicilia.

Cosa significa ‘vendemmia’ per un enologo? E’ il passaggio del testimone tra campagna e cantina. Si fanno lunghe passeggiate nei vigneti, per assaggiare e analizzare le uve, stando attenti a non anticipare la raccolta e a non arrivare troppo tardi. Il giusto momento di raccolta è fondamentale sia per la componente aromatica e quindi per il patrimonio olfattivo, che per quella strutturale e quindi del gusto.

Cosa succede in quei giorni di così speciale? Dai controlli si passa alla vendemmia e quindi alla vinificazione, un’altro momento ‘chiave’ perché le uve si trasformano in mosto e poi in vino, e la nuova ‘creatura’ prende forma.

Cosa dobbiamo aspettarci dalla vendemmia di quest’anno? Le aspettative sono molto buone, l’acqua quest’anno in primavera non è mancata e la pioggia di agosto è stata un toccasana. La mia vendemmia 2018 è iniziata il 13 agosto, in Toscana e all’Isola d’Elba, con le uve bianche precoci come ad esempio Pinot Bianco e Chardonnay. Mi aspetto che la qualità dei vini sia di assoluta soddisfazione, anche se è presto per dirlo adesso.

Come ci si difende in campagna dalle condizioni meteo avverse? Il fenomeno atmosferico che quest’anno ha danneggiato “a strisce” i vigneti è stata la grandine. Serve una grande attenzione nella gestione della chioma fogliare delle piante, fino alla realizzazione di coperture lungo il filare con delle reti che proteggono i grappoli e le foglie.

Quali sono le attese del consumatore e le nuove tendenze? Il consumatore è sempre più preparato ed attento, ma spesso viene informato e frastornato da messaggi che servono solo a mascherare l’incapacità di produrre un vino di qualità. La viticoltura moderna è – e deve essere – sempre più tesa ad intervenire in maniera ecosostenibile nella difesa delle piante dalle malattie e dai parassiti. Il consumatore deve imparare a distinguere un vino di qualità, pieno di elementi di gradevolezza, da qualcosa a volte al limite dell’imbevibile, che spesso è privo di alcuna garanzia di controllo.

Cosa si può fare per migliorare l’appeal del vino italiano? E’ fondamentale ‘fare sistema’ a livello nazionale (v. i francesi), evitando di sconcertare e confondere i consumatori.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.