E POI c’è la Cultura, a casa Lungarotti. Con la maiuscola, perché il Muvit, il Museo del vino di Torgiano, a detta del New York Times è «il più bello d’Italia». È nato nel 1987, e dal 2000 ha anche un fratellino, il Moo, Museo dell’olivo e dell’olio, entrambi sotto l’egida della Fondazione Lungarotti onlus, creata nel 1987 da Giorgio e Maria Grazia. Il Muvit conta su 3mila reperti per raccontare in modo inedito la storia della viticoltura nel Mediterraneo in un viaggio che attraversa cinquemila anni tra coppe, boccali, vasi, ceramiche, una impressionante collezione di anfore da cantina e da trasporto, opere di Picasso e Cocteau. E il Moo, 600 testimonianze sull’olio dalla medicina al commercio, dalle varie forme di culto alla cosmesi.