Ignacio Sànchez Recarte
Ignacio Sànchez Recarte

BRUXELLES
ARRIVA l’etichetta elettronica. Il 12 marzo i produttori di bevande alcoliche presenteranno al commissario Ue alla salute, Vytenis Andriukaitis, la proposta per fornire informazioni ai consumatori su ingredienti e valori nutrizionali (calorie) dei propri prodotti. Si tratterà di un sistema «flessibile» (a seconda che si tratti di vino, birra o distillati), spiega il segretario generale della Comitato europeo vini Ignacio Sànchez Recarte (nella foto). «Una soluzione condivisa da tutti» è l’etichettatura elettronica, che dà informazioni tramite smartphone e web. «Abbiamo trovato un denominatore comune – continua Recarte – con l’e-label che è una soluzione condivisa da tutti i settori. Per quanto riguarda il vino, siamo pronti a comunicare tutto dalle informazioni nutrizionali alla lista degli ingredienti, ma il nostro è un prodotto che cambia di anno in anno e serve un sistema moderno e flessibile». Nel marzo 2017 la Commissione aveva dato ai produttori un anno di tempo per presentare proposte in materia: ora dovrà valutare la scelta.