Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Economia Sport Motori Tech Magazine Salute

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Vendite, la ricetta di Assoenologi: «Bloccare l’aumento di vigneti»

La polemica il presidente cotarella: «alcuni consorzi già lo fanno, chi si oppone fuori dalla realtà»

Ultimo aggiornamento il 28 agosto 2018 alle 14:19
Riccardo Cotarella, presidente nazionale di Assoenologi e produttore umbro

PERUGIA, «IL MERCATO del vino sta vivendo un momento di flessione a livello mondiale. Un provvedimento immediato da adottare, nelle denominazioni in maggiore sofferenza, è di bloccare eventuali nuovi impianti di vigneti così da contenere la produzione e quindi equiparare la domanda all’offerta»: è quanto sostiene Riccardo Cotarella (nella foto), presidente nazionale di Assoenologi e produttore umbro, commentando la crisi che sta vivendo il settore alla vigilia della vendemmia 2018. «Mettere uno stop per almeno 3 anni alla realizzazione di nuovi vigneti – ha spiegato l’esperto – avrà un duplice effetto positivo: il primo di contenere le produzioni, il secondo permetterà ai nuovi viticoltori di scegliere adeguatamente il tempo dell’impresa». Cotarella ha sottolineato che la strada dello sbarramento «è stata intrapresa già da Consorzi importanti, tra cui quelli delle zone in cui si produce l’Amarone, il Brunello, il Barolo e per restare in Umbria, il Montefalco».

«MA C’È ANCHE chi si oppone – chiude Cortarella –, come sta accadendo al Consorzio vini Orvieto dove una minoranza cerca di ostacolare la richiesta avanzata alla Regione Umbria dalla stragrande maggioranza dei soci. Ecco, chi si dice contrario a questa impostazione è fuori dalla realtà».

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.