Il prosecco è l’italiano più stappato: export +25%
Il prosecco è l’italiano più stappato: export +25%

ROMA, IL PROSECCO è il vino italiano più conosciuto e più bevuto nel mondo, con un aumento record delle esportazioni del 25% nel 2019 e la previsione di arrivare al valore di un miliardo a fine anno. E’ quanto afferma la Coldiretti sulla base dei dati Istat relativi al primo bimestre nell’esprimere apprezzamento dopo che l’Icomos, l’organo consultivo dell’organizzazione Onu, ha deciso di raccomandare le Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene per l’iscrizione nella Lista dei Patrimoni Mondiali dell’Unesco. Un risultato atteso che – sottolinea la Coldiretti – riconosce l’importanza di un territorio dallo straordinario valore storico, culturale e paesaggistico in grado di esprimere una produzione che ha saputo conquistare apprezzamenti su scala mondiale. Delle 466 milioni di bottiglie Doc vendute lo scorso anno, circa 2 su 3 sono state vendute all’estero dove la Gran Bretagna è di gran lunga il Paese che ne consuma di più. La produzione – precisa la Coldiretti – è intimamente connessa con le caratteristiche del territorio e del meraviglioso paesaggio delle Colline del Prosecco di Conegliano-Valdobbiadene.