Economia Sport Motori Tech Magazine Salute

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Task force per tutelare Valpolicella e Amarone all’estero e sul web

Accordo Ministero e Consorzio DOP e DOCG si uniscono per dichiarare guerra ai falsari sulla rete

Ultimo aggiornamento il 11 luglio 2018 alle 12:41
Andrea Sartori

VERONA, UNA TASK FORCE anti-contraffazione, specificatamente pensata per tutelare le Doc e Docg della Valpolicella, dall’Amarone al Ripasso al Recioto. È stato siglato nei giorni scorsi, a Sant’Ambrogio di Valpolicella (Verona), il protocollo di cooperazione tra l’Ispettorato centrale della tutela della qualità e della repressione frodi dei prodotti agroalimentari del ministero delle Politiche agricole e il Consorzio tutela vini Valpolicella. L’accordo, firmato da Stefano Vaccari, Capo dipartimento Icqrf, e Andrea Sartori (nella foto), presidente del Consorzio, prevede azioni di contrasto per ostacolare le vendite sui canali e-commerce, fino al sequestro, di prodotti che usurpano i nomi ‘Amarone’, ‘Valpolicella’, ‘Valpolicella Ripasso’ e ‘Recioto della Valpolicella’ in Usa, Regno Unito, Canada, Irlanda, Danimarca e negli altri Paesi scandinavi a regime di monopolio, i principali mercati di destinazione delle top denominazioni veronesi. «Stop a chi pensa di guadagnare sfruttando sui mercati i nomi delle nostre indicazioni di qualità certificata», sottolinea il ministro delle Politiche Agricole Gianmarco Centinaio. «Amarone e Valpolicella sono tra le denominazioni più imitate e falsificate sui mercati esteri», gli fa eco Sartori, il presidente del Consorzio che, in tre anni, ha promosso quasi 40 azioni di tutela dei marchi Dop.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.