Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Economia Sport Motori Tech Magazine Salute Itinerari

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Nozze vincenti tra vino e gelato

di LUCA BONACINI
Ultimo aggiornamento il 11 luglio 2018 alle 12:32
Luca Bonacini

DA SEMPRE considerato uno degli abbinamenti impossibili, vino e gelato oggi è un mariage che stimola la creatività di sommelier e bar tender, un avvincente terreno di sfida, dove l’esperienza gustativa si palesa talune volte assoluta. «L’universo del gelato è ricco di spunti, ma richiede grande attenzione alle temperature di servizio – ci conferma Luca Martini, sommelier campione del mondo 2013. –. Il gelato al cioccolato fondente si sposa bene con l’Aghelu Ruju sardo, lo zabaione, al Moscato d’Asti tappo raso; la fragola dà il meglio di sé con la Lacrima di Morro passita o il Ruchè passito del Monferrato, serviti a temperatura ambiente. Con i gusti di frutta, si può scegliere il Prosecco extra dry, che ha un grado in più di dolcezza e basso grado alcolico, coi gelati gastronomici al cioccolato fondente si impone un grandissimo Porto o il Banyuls, con quelli al latte, il cioccolato bianco o la nocciola, l’ideale è il Brachetto D’Acqui».

MA ANCHE i gelatieri artigianali d’Italia fanno la loro parte, creando gusti che diventano dei veri e propri dessert al piatto, alternando salato, dolce, erbe officinali, spezie, tè, ma anche formaggi e alta salumeria. Ecco i suggerimenti di due tra i più autorevoli professionisti italiani, illuminati nella scelta delle materie prime quanto nel bandire con rigore, conservanti, coloranti e addensanti. Da Paolo Brunelli ad Ancona, premiato come miglior gelatiere d’Italia per Dissapore, ‘Tre Coni’ e miglior cioccolato d’Italia per il Gambero Rosso, potremo assaggiare: Omaggio a Pasquini, un hamburger con mortadella, maionese verde e quenelle di gelato al pistacchio, abbinato al Lambrusco Salamino di Santa Croce semi secco, calice ideale secondo Martini. E Crema al vino cotto. Un gelato con latte e panna di fattoria, tuorlo d’uovo e zucchero, mantecato al vino cotto di Trebbiano 2004, e pecorino dei Sibillini, consigliato da Martini con un Marsala Vigna la Miccia di Marco de Bartoli, o un Vin Pepato delle Crete Senesi. Andrea Bandiera invece, alla gelateria Scirocco di Bologna, tra le migliori 15 insegne d’Italia, premiato con i ‘Tre coni’ e migliore gelato gastronomico secondo il Gambero Rosso, proporrà: Due Mandorle al gorgonzola. Un gelato alle mandorle amare, mandorle crude e Gorgonzola naturale, da bersi con il Vin Santo Occhio di pernice, di Massimo Romeo. E Il mio pesto, un gelato a base latte, con basilico fresco e pinoli, ottimo con Sciacchetrà Cappellini.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.