Martedì 23 Luglio 2024

Diritto allo studio, equità, inclusione. Supporto agli studenti nel percorso

Dall’esonero completo delle tasse ai contributi per l’affitto: tante misure per garantire gli stessi strumenti

Diritto allo studio, equità, inclusione. Supporto agli studenti nel percorso

Diritto allo studio, equità, inclusione. Supporto agli studenti nel percorso

Al miglioramento delle condizioni di studio e di vita di studentesse e studenti, l’Università di Bologna dedica molteplici misure, partendo dall’accesso al percorso universitario e proseguendo durante il suo intero svolgimento. Sono misure volte a garantire la massima equità e la massima inclusione.

L’Alma Mater garantisce l’esonero completo dalle tasse universitarie (fatta salva la tassa regionale) per chi ha un indicatore ISEE fino a 27.000 euro, e contribuzioni ridotte per fasce economiche deboli o medie, che consentono circa 26.000 esoneri totali ed esoneri parziali per circa il 60% degli iscritti.

Tra le novità dell’anno accademico 2024/2025 c’è la riduzione del carico contributivo per ISEE tra 45.000 e 55.000 euro. Studentesse e studenti possono, inoltre, beneficiare delle contribuzioni per le spese di locazione abitativa sostenute da fuori sede: sono previsti 600 contributi da 1.000 euro ciascuno. Chi è fuori sede e con ISEE entro i 35.000 euro può usufruire anche di contributi alle spese sanitarie pari a 1.000 euro per studentesse e studenti con cittadinanza non UE – che a partire dal 2024 hanno dovuto far fronte al forte incremento dei costi per l’iscrizione al Sistema Sanitario Nazionale – e 500 euro per studentesse e studenti italiani o con cittadinanza UE.

Tante altre sono le agevolazioni, sia in base all’ISEE sia in base al merito, messe a disposizione dall’Alma Mater, illustrate sul portale unibo.it, tra cui: le collaborazioni a tempo parziale (150 ore), assegni di tutorato, agevolazioni per l’iscrizione ai corsi STEM (Scienze, Tecnologia, Ingegneria e Matematica), interventi straordinari per chi è in condizioni di disagio, esoneri contributivi per la genitorialità e per i laureati triennali con 110/110, rimborso delle spese per la certificazione linguistica, contribuzioni calmierate per chi è in debito della sola prova finale. Dall’anno accademico 2024/2025 sarà attivato anche un servizio a sportello, d’intesa con ER.GO (l’ente della Regione Emilia-Romagna che offre interventi e servizi a favore degli studenti), per indirizzare le persone in difficoltà e per intervenire, anche economicamente, di fronte a situazioni di emergenza.