Anche se va via via scemando, il caldo può ancora arrecare danni al fisico, a cominciare da un frequente debito di energia. Per recuperarla la dieta va aggiustata con integratori specifici che apportino sali minerali, aminoacidi e vitamine. Ma non va trascurata l’indagine sulla causa della stanchezza, soprattutto se non si tratta di evento sporadico, rivolgendosi o al medico di famiglia o a uno specialista. Se non siamo in convalescenza o in un periodo intenso di lavoro o studio, teniamo d’occhio la sudorazione che provoca perdita di liquidi, da 1-2 litri al giorno per un individuo a riposo, e fino a 10-12 nel caso di un atleta sottoposto ad allenamento intenso. Il sudore disperde diversi macroelementi preziosi – in particolare alcuni sali minerali come il magnesio e il potassio. Quest’ultimo garantisce la normale funzionalità dei muscoli e aiuta il corpo a reagire alla sensazione di spossatezza e affaticamento. Svolge inoltre un ruolo fondamentale nel mantenimento della pressione sanguigna e della giusta idratazione del corpo. Il magnesio dà carica e vitalità ed è essenziale per il corretto metabolismo energetico, per l’attività muscolare e del sistema nervoso, e contribuisce all’equilibrio elettrolitico dell’organismo.

Altri microelementi fondamentali sono il ferro e lo zinco. Il primo partecipa a diversi processi metabolici, come la sintesi del DNA e contribuisce alla produzione di emoglobina, la proteina contenuta nei globuli rossi del sangue che consente il trasporto dell’ossigeno nei tessuti. Lo zinco favorisce il buon funzionamento del sistema ormonale e immunitario e contribuisce, tra l’altro, a una normale funzione cognitiva. È inoltre un importante alleato della salute di pelle, capelli, unghie e ossa e coopera al corretto funzionamento del sistema riproduttivo.

Anche le vitamine svolgono una funzione energizzante: in particolare, l’acido ascorbico o vitamina C per le funzioni del sistema immunitario; la tiamina o vitamina B1 per il funzionamento del sistema nervoso e cardiaco.

Gli integratori alimentari preposti a fornire un supporto adeguato, includono anche alcuni aminoacidi come arginina, beta-alanina e creatina, sostanze naturalmente prodotte dal corpo umano, fondamentali per la sintesi proteica e il mantenimento dell’omeostasi, che tuttavia in determinati momenti non riusciamo a sintetizzare in quantità e velocità sufficienti a soddisfare i nostri bisogni.