Si chiama Caplacizumab, nanoanticorpo bivalente contro il fattore di Von Willebrand, che agisce quando un’alterazione del sistema immunitario inizia a produrre anticorpi che sovvertono la regolazione del processo di coagulazione del sangue. Prima terapia specifica per adulti con porpora trombotica trombocitopenica acquisita, è disponibile per uso ospedaliero in associazione alla plasmaferesi e immuno- soppressione. «Abbiamo un’arma aggiuntiva per una patologia finora priva di risposte terapeutiche efficaci immediate», ha dichiarato Flora Peyvandi docente di Medicina Interna all’Università di Milano, direttore Centro emofilia e trombosi della Fondazione Ca’ Granda, Ospedale Maggiore Policlinico, centro di eccellenza a livello nazionale.