Diagnosticare un tumore dagli esami del sangue, grazie a una IA
Diagnosticare un tumore dagli esami del sangue, grazie a una IA
In futuro potremmo essere in grado di eseguire diagnosi precoc i per  decine di tumori, grazie a delle semplici analisi del sangue e all'aiuto di un' intelligenza artificiale. La speranza arriva da uno studio apparso sulla rivista Annals of Oncology, che descrive gli incoraggianti risultati ottenuti combinando un test ematico con le potenzialità della tecnologia informatica.

La ricerca, condotta presso il Dana-Farber Cancer Institute di Boston, ha coinvolto quasi 7000 campioni di sangue, che sono stati analizzati da un software addestrato a setacciare dei particolari marker tumorali. L'esperimento ha prodotto oltre il 99% di rilevamenti accurati, per un totale di 50 diversi tumori individuati nel 44% dei pazienti sottoposti a screening.

Il test si basa su un algoritmo che è in grado di individuare all'interno del sangue dei pezzi di DNA provenienti da siti tumorali. Tramite il processo noto come apprendimento automatico, l'Intelligenza Artificiale ha imparato a individuare e riconoscere dei frammenti genetici sottoposti a metilazione, una modifica biochimica che entra in gioco durante lo sviluppo e la progressione di svariate forme di cancro.

Come spiega in un'intervista l'immunologo Michael Seiden, l'esame ha un duplice vantaggio: dimostra la presenza di una neoplasia e fornisce indizi sui tessuti da cui provengono i frammenti di DNA, rivelando quindi dove si trova il tumore.

Alla luce della partenza promettente, il test verrà ora sperimentato su un numero limitato di pazienti, per nuovi approfondimenti clinici. L'oncologo e coautore della ricerca Geoff Oxnard sottolinea tuttavia la necessità di ulteriori rifiniture, in quanto il programma fa ad esempio fatica a diagnosticare i tumori in fase iniziale (specie quelli causati da papilloma virus umano). "Prima che questo esame del sangue diventi routine, avremo probabilmente bisogno di vedere i risultati degli studi clinici, per comprenderne meglio l'efficienza", ha spiegato Oxnard alla BBC.