L’Istituto Superiore di Sanità è incaricato di confermare l’eventuale positività dei test diagnostici e di screening condotti dai laboratori. Nel momento in cui un esame dà esito positivo il campione viene inviato materialmente all’Istituto, a Roma. Una volta preso in consegna il campione se ne estrae l’Rna (un filamento che contiene un codice di sintesi delle proteine). Attraverso una tecnica chiamata Pcr Real Time, viene amplificata la quantità di genoma del virus SARS-CoV-2 eventualmente presente. Il test richiede 4-5 ore, normalmente i tecnici lavorano su turni con inizio alle 6 del mattino, fino alle 3 di notte, garantendo circa duecento referti di esami al giorno. Il risultato viene comunicato alle autorità competenti sia italiane che internazionali (Ecdc, Oms).