Resistenza agli antibiotici, una minaccia globale
Resistenza agli antibiotici, una minaccia globale
A Barcellona, nel corso di una convention della United European Gastroenterology è stato presentato un report che dà ulteriore conferma di quanto sia d'attualità il problema dei superbatteri resistenti agli antibiotici. I risultati di un'indagine condotta in 18 Paesi dell'Europa evidenziano infatti che, nel giro di 20 anni, il batterio Helicobacter pylori, associato anche al cancro allo stomaco, ha raddoppiato la sua resistenza ai farmaci che dovrebbero sconfiggerlo in fase di terapia.

Doppiamente forte 

I dati raccolti su 1200 persone documentano che dal 1998 al 2018 l'H. Pylori è diventato due volte più resistente all'antibiotico claritromicina, la cui inefficienza è passata nel 9,9% al 21,6% dei trattamenti. Numeri simili sono stati registrati anche per altre due cure alternative, la levofloxacina e il metronidazolo. Lo studio ha scoperto che i più alti tassi di resistenza sono localizzati nell'Italia meridionale (39,9%), in Croazia (34,6%) e in Grecia (30%). Secondo i ricercatori, l'incremento del fenomeno è da attribuire in buona parte all'abuso di antibiotici per disturbi comuni come ad esempio il raffreddore e l'influenza.

Sempre più resistente

Le infezioni da H. pylori non sono facili da trattare e richiedono di norma una combinazione di cicli terapeutici. Il batterio, che popola lo stomaco di molti soggetti in modo asintomatico, al sopraggiungere di certe condizioni può dare luogo a gastrite cronica e ulcera peptidica, ed è stato dimostrato anche il suo coinvolgimento nell'insorgenza del tumore gastrico. Per tale ragione, spiegano i ricercatori, la ridotta efficacia dei farmaci rischia di riflettersi su una maggiore incidenza di tali patologie.

"Con i tassi di resistenza agli antibiotici comunemente usati come la claritromicina che aumentano a un ritmo allarmante di quasi l'1% all'anno, le opzioni di trattamento per H. pylori diventeranno progressivamente limitate", ha dichiarato il leader dello studio Francis Megraud.

Minaccia globale

Da tempo l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) sta sollecitando maggiori sforzi da parte di tutti nella lotta all'antibiotico resistenza, definita una "minaccia globale per la sicurezza sanitaria". Secondo lo stime, nell'Unione Europea e negli Stati Uniti, almeno 56.000 persone muoiono ogni anno a causa delle infezioni causate superbatteri diventati insensibili ai trattamenti tradizionali.