Con il sostegno di:

Stomia, cambio di prospettiva nelle malattie intestinali

I servizi di supporto ai pazienti stomizzati per malattia di Crohn, traumi invalidanti o chirurgia addominopelvica, affrontati nel corso della conferenza Convatec a Montecitorio

08/05/2024

La stomia, un tempo vista con pregiudizio, è oggi accettata con una nuova consapevolezza. Questo supporto vitale, che regola alvo e diuresi bypassando le vie fisiologiche naturali, è diventato sinonimo di emancipazione e integrazione sociale. Le persone stomizzate conducono una vita attiva. Grazie a dispositivi sanitari avanzati, possono praticare sport, curare l’igiene personale in maniera ineccepibile, viaggiare e partecipare a tutte le attività quotidiane con facilità e comfort. La tecnologia ha reso le sacche per stomia più discrete, e facili da gestire, permettendo agli individui di gestire tutti gli aspetti tecnici senza complessi.

 

Emancipazione

La società ha imparato a guardare oltre, riconoscendo la forza e la determinazione degli stomizzati. Le associazioni di pazienti e le campagne di sensibilizzazione hanno contribuito a creare un ambiente più inclusivo. La derivazione in addome viene realizzata per diverse condizioni patologiche, malattie infiammatorie croniche intestinali, traumi invalidanti o tumori addomino pelvici, che richiedono la rimozione di un tratto di intestino, o un intervento sull’apparato urinario. È una procedura che può essere temporanea o definitiva, a seconda delle indicazioni chirurgiche. Insomma la stomia, lungi dall’essere considerata tuttora una parola tabù, è divenuta un esempio di come la medicina evolve e migliora la qualità della vita, in mancanza di alternative.

 

L’approfondimento continua. Link al video di Quotidianonet

 

Più di 75mila persone in Italia vivono oggi con una stomia, una procedura chirurgica che non è più un tabù, ma un ponte verso una vita normale e attiva. Questo è stato il messaggio chiave della conferenza stampa “La stomia, tra cura e sostegno alla persona – Sinergie tra professionisti e pazienti”, tenutasi a Roma e promossa da Convatec in collaborazione con Motore Sanità.

 

Pioniere nel campo dell’assistenza ai pazienti stomizzati, Convatec ha presentato una soluzione innovativa, denominata Esteem Body, e sottolineato l’importanza del servizio al paziente. Claudia Chinelli ha evidenziato come l’azienda sia all’avanguardia nel fornire non solo prodotti tecnologicamente evoluti e un supporto completo, attivo dal 1991. Con 18 consulenti esperte, il servizio gestisce oltre cinquecento telefonate al giorno, offrendo campioni prova, indicazioni sulla nutrizione, l’attività fisica e il supporto emotivo, oltre all’aiuto nelle pratiche burocratiche.

 

Chirurgia colorettale

Nel corso di un convegno sulla stomia tenutosi a Montecitorio, sala Capranichetta, è intervenuta tra gli altri Assunta Scrocca, vicepresidente AIOSS, mettendo in luce la figura dello stomoterapista, essenziale nel percorso diagnostico terapeutico e assistenziale nella chirurgia colorettale. Nonostante la loro importanza, esiste una carenza di questi specialisti, e non tutte le strutture sanitarie riconoscono la necessità di questa figura professionale.  L’appuntamento scientifico è stato aperto da un collegamento con il sottosegretario Marcello Gemmato, e successivamente dagli interventi dei senatori Beatrice Lorenzin e Ignazio Zullo.

 

L’approfondimento continua. Leggi anche

 

Testimonianze

Francesco Murano e Maurizio Grandi, entrambi pazienti stomizzati, hanno condiviso le loro esperienze, sottolineando come la stomia non debba essere vista come un limite, ma come una seconda opportunità di vita. La sacca è il simbolo di una vita salvata e della libertà ritrovata. Come dice Grandi, “tutto si può fare, nulla è impossibile, ci vuole solo la volontà”. La conferenza Convatec si è conclusa in un clima di collaborazione tra i tanti autorevoli medici specialisti intervenuti, i rappresentanti delle istituzioni e illustri esponenti del volontariato. La stomia, un tempo considerata un ostacolo alle relazioni interpersonali, è oggi una condizione della quale si può parlare senza reticenze, grazie alla flessibilità di impiego delle soluzioni industriali, che la rendono sicura, maneggevole e poco ingombrante. Un supporto professionale in tempo reale garantisce alle persone stomizzate la tranquillità necessaria per acquisire in fretta l’esperienza necessaria a convivere senza problemi con una stomia.