Foto: chickaz / iStock
Foto: chickaz / iStock

Una cattiva alimentazione ha un impatto negativo sulla nostra produttività, specialmente se parliamo di abbuffate serali o notturne. Mangiare cibi ricchi di grassi, sodio e calorie di sera, infatti, è rischioso non solo in termini di linea e di salute: secondo una ricerca della North Carolina State University è un’abitudine che potrebbe renderci meno efficienti e disponibili il giorno dopo al lavoro. L’obiettivo dei ricercatori consisteva nel capire se un’alimentazione insalubre avesse o meno una conseguenza immediata sulla vita lavorativa delle persone: hanno quindi intervistato 97 lavoratori statunitensi occupati a tempo pieno, ponendo una serie di domande tre volte al giorno per un totale di dieci giorni lavorativi. I temi cardine delle domande sono stati tre: lo stato d’animo e il benessere fisico prima e dopo il lavoro, la produttività e il numero di compiti portati a termine durante la giornata, l’alimentazione.

Meno produttivi e meno disposti ad aiutare i colleghi

Dai risultati è emerso che chi ha abitudini alimentari poco sane, ha maggiori probabilità di avere problemi fisici (mal di testa, diarrea, mal di stomaco) di mattina. Questi soggetti, inoltre, durante le mattinate hanno spesso percepito dei disagi a livello emotivo, in particolar modo quando hanno mangiato snack o bevuto alcolici la sera precedente.
Tutto ciò, secondo i ricercatori, ha causato una riduzione del livello di produttività sul luogo di lavoro. Gli individui hanno dichiarato di sentirsi meno propensi ad aiutare i colleghi quando avevano bisogno e più propensi a rimandare impegni lavorativi. I ricercatori hanno poi notato che i partecipanti emotivamente più stabili e più efficienti in ufficio erano coloro che mangiavano meglio e che evitavano spuntini serali: “Il grande vantaggio è che ora sappiamo che un'alimentazione scorretta può avere effetti quasi immediati sulle prestazioni sul posto di lavoro”, ha detto Seonghee Cho, uno degli autori della ricerca, in un comunicato della North Carolina State University. Secondo gli esperti, è importante che le aziende sensibilizzino e aiutino i lavoratori a curare meglio l’alimentazione, ad esempio attraverso dei cibi sani forniti nelle mense aziendali.