Benessere

Sonno e salute, si può stare bene anche dormendo poche ore

di
Redazione
Share

Quanto si dorme è fondamentale per la nostra salute, ma anche come si dorme fa la differenza. Un’osservazione quasi banale che deduciamo dalla nostra esperienza quotidiana, a cui un nuovo studio aggiunge adesso un po’ di solidità scientifica. I ricercatori hanno indagato gli effetti di una durata del sonno limitata sul sistema immunitario e hanno scoperto che anche dormendo meno delle fatidiche otto ore raccomandate si può godere di una salute ottimale, a patto che il riposo sia di buona qualità. Se invece si dorme male, oltre che poco, aumenta significativamente il rischio di contrarre malattie respiratorie causate da virus, come raffreddore e influenza.

 

Lo studio ha seguito 1318 nuove reclute dell’esercito, prima, durante e al termine del loro addestramento militare di dodici settimane. In questo periodo i partecipanti dormivano in media due ore in meno rispetto a quanto facevano nella loro vita “civile”; nonostante la privazione rispetto al loro riposo abituale, metà di essi ha comunque riferito di avere dormito bene. In generale le reclute sono risultate quasi tre volte più soggette alle infezioni respiratorie, ma sviscerando i dati si è scoperto che la riduzione del sonno aveva effetti negativi solo su quelle che avevano dormito male. A parità di ore dormite, una buona qualità del sonno agiva invece come una protezione contro queste malattie.

 

“Qui ci sono due messaggi chiave”, commenta uno degli autori, il professor Neil P Walsh della Liverpool John Moores University, “Primo, che una riduzione del sonno può portare ad ammalarsi più spesso. Secondo, nonché più sorprendente, che possiamo vivere anche con un sonno ridotto se è un sonno di qualità. Si tratta di un messaggio molto utile nel nostro mondo frenetico, dove il sonno viene spesso sacrificato per fare spazio a impegni e occupazioni”.

 

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Sleep.

Recent Posts

Alzheimer, scoperti due nuovi geni che aumentano il rischio di sviluppare la demenza

Un passo in avanti nella comprensione (e forse un domani nella cura) dell'Alzheimer. Un gruppo…

23 Novembre 2022

Oltre le apparenze: le lesioni nascoste sotto la pelle

Oltre le apparenze. È questo il filo conduttore della campagna itinerante sulla psoriasi che prende…

21 Novembre 2022

Ribes, salice e artigli di diavolo contro l’artrosi

Maradona, il più grande giocatore di sempre. Baricentro basso e possesso di palla pazzesco. Al…

19 Novembre 2022

Lato B: attività fisica o aiutino? Le scorciatoie le cerca anche lui

Aiutini o costanza? Per modellare il fondoschiena, rendendolo più sodo o snellirlo, esistono appositi esercizi.…

19 Novembre 2022

Il rumore del traffico rallenta lo sviluppo della memoria

Il rumore del traffico stradale è stato associato da un gruppo di studiosi a uno…

19 Novembre 2022

La giusta dose di sport per il cuore

Cuore e sport sono complementari l’uno all’altro. Il paternoster del salutista, soprattutto se anziano, dovrebbe…

19 Novembre 2022