Più muscoli, meno infezioni?
Più muscoli, meno infezioni?

Un studio pubblicato sulla rivista Science Advances suggerisce la possibilità che le persone muscolose abbiano un sistema immunitario più attrezzato per sconfiggere le infezioni. Secondo l'articolo, a firma di un team di ricercatori dell'Università di Heidelberg, in Germania, il tessuto muscolare fornirebbe una sorta di rifugio per le cellule immunitarie, che sarebbero così sempre pronte ad affrontare l'invasione degli agenti patogeni.

Il lavoro parte dall'osservazione che le infezioni croniche tendono a prosciugare le riserve di linfociti T (le cellule che innescano la risposta immunitaria), indebolendo le misure difensive dell'organismo. Questo fenomeno è spesso accompagnato da un deperimento fisico noto clinicamente come cachessia, che genera perdita di peso e atrofia muscolare. I ricercatori hanno quindi voluto approfondire il legame tra cellule T e muscolo scheletrico, servendosi di un gruppo di topi cui è stato inietto il virus della coriomeningite linfocitaria (LCMV).

L'esperimento ha permesso di scoprire che l'infezione virale scatena una risposta infiammatoria promossa dalla proteina interleuchina 15 (IL-15), che spinge il tessuto muscolare a riempirsi di sacche di linfociti immaturi. Questi si trasformano successivamente in cellule T vere e proprie, che fuoriescono dal muscolo e vanno a combattere l'agente estraneo. L'intero processo, si legge in una nota, "consente al sistema immunitario di fronteggiare il virus in modo continuato per un lungo periodo".

L'indagine è stata replicata in un secondo momento con altri topi modificati geneticamente per sviluppare una maggiore massa muscolare. Una volta infettati i roditori muscolosi hanno prodotto maggiori quantità di IL-15, mostrando una risposta anti-virale molto più energica. In altre parole, i topi più robusti si sono dimostrati più preparati a superare la malattia.

Gli autori sottolineano che questi risultati non implicano necessariamente una corrispondenza anche negli esseri umani, ma aprono comunque degli interrogativi sui potenziali benefici di un corpo palestrato. L'equipe si è dunque ripromessa di andare a fondo della questione nel prossimo futuro.