Nasi importanti. Il profilo cambia con gli ultrasuoni
Nasi importanti. Il profilo cambia con gli ultrasuoni

Dalla rinoplastica ad ultrasuoni al rinofiller, aumentano gli interventi di rimodellamento del naso non chirurgico, efficaci per piccole correzioni, mentre nei casi più importanti la scelta migliore resta la rinoplastica tradizionale. L’intervento ad ultrasuoni può risolvere un inestetismo della punta del naso o ridurne le dimensioni.

Operazione mini invasiva, di precisione e con una fase post operatoria più breve.

Si esegue tramite un manipolo collegato ad un trasduttore che, generando ultrasuoni, vibra ad alta frequenza e lavora sulle strutture solide come ossa e cartilagine risparmiando i tessuti di mucosa, muscoli e sottocute. L’American society and plastic surgeons sottolinea che gli inserti piezoelettrici (Pei) hanno la capacità di agire selettivamente sulle ossa e/o sulla cartilagine dura, senza danneggiare i tessuti molli.

Con questa tecnologia si può intervenire anche su nasi già operati con tecnica tradizionale in cui sono ancora presenti difetti.

Al tempo stesso, se la chirurgia piezoelettrica è molto accurata, è però più facile che si renda necessaria, in seguito, una rinoplastica di revisione.

C. B.