"Teniamo alto lo standard dei servizi"
"Teniamo alto lo standard dei servizi"

OSPEDALI VERDI, climatizzati e in grado di garantire risparmi economici, ferri chirurgici completamente ‘tracciati’ in tutte le fasi del processo di sterilizzazione e una sempre più efficiente gestione delle farmacie ospedaliere. Sono queste le nuove frontiere della sanità individuate dal Gruppo Rekeep per proseguire sulla strada della crescita, dopo una fase di apertura all’estero che ha portato il fatturato della società di servizi bolognese a sfiorare il miliardo di euro. Già, perché dietro una struttura ospedaliera e clinica che funziona, accanto a cure all’avanguardia e professionalità, c’è anche una gestione efficace di tutte le attività di supporto a quelle mediche, che i 17mila dipendenti di Rekeep assicurano in oltre 350 strutture di alto livello, dal Policlinico Sant’Orsola di Bologna al San Gerardo di Monza, passando per il Policlinico Gemelli. A tenere le redini del leader italiano nell’integrated facility management, invece, è il Presidente e ad del gruppo, Giuliano Di Bernardo.

L’A.D. GIULIANO DI BERNARDO: «Non bastano più le semplici prestazioni. Oggi il sistema della sanità italiana ha bisogno di soluzioni per generare efficienza»

Presidente, il campo nel quale operate può considerarsi un’eccellenza italiana?

«Assolutamente sì, e in particolare quando si parla di servire il mondo della sanità nei servizi più delicati. La nostra capacità di gestire processi sensibili come la sterilizzazione dei ferri chirurgici o il know-how nella conduzione di impianti in immobili complessi come un ospedale, infatti, sono premiati all’estero, dove ci viene riconosciuta una competenza assolutamente superiore alla media».

Il futuro, invece, quale direzione sta prendendo?

«Oggi il sistema della sanità italiana non ha bisogno di semplici prestazioni ma di soluzioni per generare efficienza. Pulizia e gestione impianti sono ormai sostanzialmente delle ‘commodity’ e, con elevati standard dati per scontati, noi siamo da tempo in grado di affiancare le direzioni sanitarie nel miglioramento di processi e servizi, perché abbiamo sempre saputo prevedere l’evoluzione tecnica».

Che rapporto c’è, allora, tra efficienza e tecnologia?

«Pensiamo alla logistica dei farmaci e al risparmio che la tracciatura informatizzata dalla prescrizione alla somministrazione garantirebbe, oppure a quanto impatterebbe sulle casse dello Stato una riqualificazione attenta ai consumi di tutta l’impiantistica ospedaliera in Italia. Queste sono le scelte di innovazione che noi aiutiamo a compiere».

LE ATTIVITÀ DI SUPPORTO. Pulizia e gestione degli impianti ospedalieri logistica dei farmaci sterilizzazione e tracciabilità dei ferri chirurgici

Tanto nel pubblico, quanto nel privato.

«Proponiamo idee e investiamo risorse nella loro realizzazione grazie a soluzioni contrattuali come il partenariato pubblico-privato. Una formula virtuosa che consente all’azienda sanitaria di realizzare consistenti interventi straordinari e al privato di rientrare degli investimenti grazie alla maggiore efficienza nella gestione del servizio».