Pap test e vaccino: il papilloma virus si batte anche con prevenzione e controlli
Pap test e vaccino: il papilloma virus si batte anche con prevenzione e controlli

L’INFEZIONE da Papilloma virus umano (Hpv) è una delle più frequenti malattie sessualmente trasmesse e colpisce più facilmente le persone con sistema immunitario fragile. Le manifestazioni del papilloma virus possono essere diverse e dipendono dal ceppo virale con il quale si è entrati in contatto. Il virus si replica sfruttando le cellule della cute e delle mucose e causando la formazioni di condilomi e papillomi. In pratica si  riscontrano piccole escrescenze che possono essere singole, a grappolo o piatte. Queste formazioni possono nascere sui genitali maschili e femminili (glande, pene, scroto per l’uomo, perineo, vagina, utero, cervice uterina per la donna) nell’area anale e perineale. I ceppi di Hpv che possono provocare il cancro solitamente mostrano lesioni. Oltre all’impiego del preservativo, le norme di prevenzione consigliano alle donne sessualmente attive periodiche visite ginecologiche e il Pap test, meglio se abbinato alla ricerca del Dna virale. Agli adolescenti di entrambi i sessi, a 12 anni viene somministrato il vaccino, consigliato anche alla popolazione adulta o già infettata dal virus.

M. M. F.