Occhiali o lenti a contatto?
Occhiali o lenti a contatto?

Occhiali, a ciascuno le sue lenti. «Sembrerà una banalità - afferma il presidente SOI, Matteo Piovella, – ma gli occhiali dovrebbero sempre correggere perfettamente e totalmente il difetto visivo della persona. Le correzioni vanno quindi aggiornate con visite e controlli periodici dall’oculista, perché la vista è soggetta a cambiamenti nel tempo. La buona notizia sta nel fatto che le lenti moderne, pur rimanendo chiare, offrono protezione ai raggi ultravioletti (UV)».

Lenti a contatto: chi le usa, avrà notato che il mercato si sta sempre più orientando verso l’impiego di lenti “usa e getta” giornaliere. «Sono pratiche e l’impiego giornaliero evita di doverle sterilizzare tutte le sere con sostanze che possono sensibilizzare la congiuntiva con effetti irritatori». Evitano inoltre, nel caso di impiego maldestro, l’accumulo di germi pericolosi per la salute dell’occhio. «Purtroppo – sottolinea Piovella – siamo il Paese europeo con il minore uso di lenti a contatto, E probabilmente questo dipende dalla scarsa preparazione di chi dovrebbe guidare il paziente. Ricordiamo che, prima dell’adozione di lenti a contatto, ci si dovrebbe sottoporre a visita oculistica per escludere l’esistenza di controindicazioni fisiologiche. La mancanza di un adeguato film lacrimale a protezione della cornea, per esempio, potrebbe risultare estremamente pericolosa».