Le noci crude hanno un alto fattore di protezione del cuore
Le noci crude hanno un alto fattore di protezione del cuore

Mangiare noci fresche e crude almeno due volte a settimana abbassa notevolmente i rischi di morte per malattie cardiovascolari. Lo rivela uno studio presentato al Congresso ESC (European Society of Cardiology) 2019 e al Congresso Mondiale di Cardiologia, che spiega come le noci fanno diminuire del 17% i rischi di perdere la vita per attacchi cardiaci.


Noci e cuore

Lo studio, condotto nell’Isfahan Cardiovascular Research Institute, Iran, ha esaminato l'associazione tra il consumo di noci e il rischio di malattie cardiovascolari e morte. Un totale di 5.432 adulti iraniani di età pari o superiore a 35 anni, senza una storia alle spalle di malattie cardiovascolari, sono stati
intervistati sul loro stato cardiovascolare ogni due anni dal 2001 fino al 2013. Nel frattempo ci sono stati 751 eventi cardiovascolari (594 malattie coronariche e 157 ictus), 179 decessi cardiovascolari e 458 decessi generali.
Quello che è emerso alla fine dello studio è che chi consumava noci due volte o più alla settimana ha visto calare il rischio di morte per malattie cardiovascolari del 17% rispetto a chi ne ha consumate una volta ogni due settimane. Secondo i ricercatori si tratta di una connessione solida, che va oltre le variabili di sesso, educazione, abitudine al fumo.


Mangiare noci fresche e crude

Le noci sono una buona fonte di grassi insaturi e contengono pochi grassi saturi. Contengono anche proteine, minerali, vitamine, fibre e polifenoli, che proteggono la salute del cuore. Le linee guida dell'ESC suggeriscono di mangiare 30 grammi di noci non salate al giorno, per una dieta sana. E diversi studi hanno evidenziato come le noci svolgano un eccellente lavoro nella protezione cardiovascolare. "Le noci fresche crude sono le più salutari", si legge nello studio, “invece in quelle stantia i grassi insaturi possono ossidarsi, rendendole dannose".