Con il sostegno di:

Momenti golosi, ecco quando il ciclo stimola l’appetito

Attacchi di fame legati al calo di estrogeni e alla mutata sensibilità all'insulina

31/10/2023
Crediti iStock - Voglie alimentari pre-ciclo, colpa insulina

Nei giorni che precedono il ciclo, molte donne sentono il desiderio di qualche trasgressione: cioccolata e snack calorici vanno per la maggiore. Le variazioni ormonali risvegliano l’appetito, a volte scatenano veri e propri attacchi di fame nervosa. Uno studio recente, uscito su Nature Metabolism, tira in ballo il ruolo della sensibilità all’insulina, un meccanismo che normalmente consente di regolare il passaggio di glucosio all’interno delle cellule, determinando i livelli di glicemia nel sangue.

 

Gli autori si sono chiesti perché così tante donne sperimentano i morsi della fame, con uno spiccato desiderio nei confronti del cioccolato e dei carboidrati, poco prima dell’arrivo del ciclo. Si sono chiesti anche perché il loro metabolismo rallenta, e perché l’aumento di peso è molto più probabile.

 

Si è visto che la sensibilità all’insulina varia durante il mese, essendo più alta prima dell’ovulazione, mentre cala nei giorni precedenti le mestruazioni. Nelle donne di corporatura magra specialmente, l’azione degli ormoni a livello cerebrale influenza la sensibilità periferica all’insulina, in particolare durante la fase follicolare.

 

Commentando i risultati, Nils B. Kroemer, laboratorio di neuroscienze dell’Università di Bonn, ha ipotizzato che l’insulina, come un direttore d’orchestra del metabolismo, potrebbe muovere il desiderio di cibo,  i cambiamenti nell’appetito e nel peso corporeo sperimentati da molte donne nella fase premestruale, e la stessa percezione di benessere psicofisico in senso lato.

 

Una minore risposta a livello endocrino, cosiddetta resistenza all’insulina, si traduce in un incremento dei livelli di glucosio nel sangue, e nel calo di energia delle cellule, anticamera del diabete di tipo 2.

 

“Durante la fase premestruale – ha spiegato Kara McElligott ginecologa all’Università del North Carolina – nella donna si produce un calo nei livelli di due ormoni, estrogeni e progesterone. Lo squilibrio che ne deriva potrebbe spiegare a sua volta i momenti golosi. Questo perché l’estrogeno influenza la sensibilità all’insulina. Quel desiderio, percepito scientemente a livello centrale, nel cervello,  induce la donna a cercare di compensare la prevedibile perdita di energia durante la gravidanza o la mestruazione”. Quindi, fondamentalmente, il metabolismo della donna in età fertile, quando esprime un desiderio di dolcezza, in ultima analisi si aggrappa all’ istinto di sopravvivenza.

 

Rimedi

Le donne potrebbero variare la dieta, la tipologia degli allenamenti in palestra oppure a casa (ginnastica da camera) a seconda delle diverse fasi del ciclo mestruale, per beneficiare delle conoscenze della cronobiologia. Si tratta dunque di mantenersi in forma seguendo l’orologio biologico, ovviamente consigliandosi con la ginecologa per quanto riguarda l’attività fisica e l’introito alimentare da distribuire con giudizio.

 

Medico endocrinologo e nutrizionista, insieme, possono suggerire un approccio mirato per regolare meglio l’appetito e il peso corporeo delle pazienti, basandosi sulla conoscenza delle dinamiche interne.

 

Fasi

La fase follicolare inizia il primo giorno delle mestruazioni e dura fino all’ovulazione. Durante questa fase, gli ormoni stimolanti dei follicoli (FSH) cominciano a far maturare un ovocita in uno dei follicoli ovarici in cui è racchiuso. Mentre il follicolo matura, rilascia estrogeni, che preparano l’utero per un possibile impianto dell’ovulo fertilizzato.

 

Durante la fase luteale, che inizia subito dopo l’ovulazione, il follicolo ovarico da cui è stato rilasciato l’ovocita diventa una struttura detta corpo luteo. Quest’ultimo produce principalmente progesterone, un ormone che supporta la potenziale gravidanza preparando l’utero e le sue pareti all’impianto. Se l’ovulo non viene fecondato, il corpo luteo si sfalda, i livelli di progesterone diminuiscono, e partono le mestruazioni.