Nutripedia è la prima enciclopedia partecipata, in continua evoluzione, dedicata alla nutrizione della mamma e del bambino nei primi mille giorni di vita.

Nell’ambito del congresso di Milano intitolato “La pediatria nella pratica clinica”, giunto alla nona edizione, si è tenuta una sessione dedicata appunto al progetto Nutripedia, frutto della collaborazione tra gli esperti della Rete Interaziendale Milano Materno Infantile (Rimmi) e la Fondazione Istituto Danone.

Dopo il sito www.nutripedia.it e la pagina Facebook, il progetto si è arricchito di una app interattiva e di un chatbot, un algoritmo in grado di rispondere in maniera personalizzata sotto forma di dialogo alle utenti che chiedono informazioni affidabili sulle scelte relative allo svezzamento e al puerperio. Alla conferenza hanno dato il loro contributo pediatri, ginecologi e nutrizionisti, tra questi Elvira Verduci, ricercatore universitario Ospedale San Paolo di Milano, Armanda Frassinetti, dietista Ats Milano Città metropolitana, Lorenzo Morelli, Università Cattolica del Sacro Cuore, Piacenza – Cremona, e Fabrizio Gavelli, Presidente Fondazione Istituto Danone.

Il cambiamento della fruizione mediatica porta moltissime mamme a trascurare i media tradizionali a favore dell’utilizzo di Internet e dei Social Network come preziosi alleati nella ricerca di informazioni. Di fatto, i dati del Monitor Mamme Eumetra MR – Fattore Mamma 2018 – riportano che il 91% delle mamme si connette ogni giorno ad almeno un canale social, attraverso cui esprime pareri, consigli e opinioni, influenzandosi vicendevolmente. Dall’altra parte, secondo uno studio su informazione e fake news dell’Autorità garante per le comunicazioni (Agcom), le fake news e le notizie reali hanno durata d’interesse simile, ma sono proprio le fake news a ottenere maggiore visibilità. Il dato preoccupante è che il 20% di queste false notizie riguarda proprio le tematiche di carattere scientifico.

Questo progetto si è mosso con l’obiettivo di guidare e aiutare i genitori nella crescita dei loro bambini, in particolare nei primi, importantissimi, mille giorni, creando un punto di riferimento unico, credibile e riconosciuto in Italia, che promuova la corretta informazione, ma che sia aperto e in continua trasformazione ed evoluzione. Proprio per questo, in occasione del congresso, è stato presentato il primo chatbot, il primo sistema evoluto di risposte personalizzate dedicato al tema, per permettere a tutti i genitori di avere accesso immediato all’enciclopedia e raccogliere tutte le informazioni necessarie. Un’innovazione che testimonia come il progetto si stia evolvendo sempre più verso le esigenze dei genitori “digitali”. «Sono lieto di segnalare i passi avanti di questo progetto che può dare un contributo di valore all’educazione sulla corretta nutrizione nei primi mille giorni di vita. Siamo da sempre in prima fila nel combattere falsi miti e informazioni scorrette sulla nutrizione», ha affermato il Professor Lorenzo Morelli, direttore del Dipartimento universitario di Scienze e tecnologie alimentari della Cattolica, che promuove una filiera agro-alimentare sostenibile, e che pure presiede il comitato scientifico della Fondazione Istituto Danone.

«La Fondazione ha nell’approccio scientifico e nella ricerca le sue fondamenta, ma è cosciente della necessità di trovare nuovi canali e nuove modalità di comunicazione in grado di avere un impatto e incidere sulla società nel quotidiano», ha dichiarato il presidente, Fabrizio Gavelli. «Di fronte a un mondo digitale in cui circolano informazioni false, contraddittorie e spesso scientificamente infondate, nasce l’esigenza di mettere al servizio della comunità uno strumento autorevole ma moderno. Uno scambio costante e veloce, in linea con i ritmi del nostro tempo».

Alessandro Malpelo