Le bacche di goji, ricche di antiossidanti (vitamina C ed E ecarotenoidi) negli ultimi anni stanno acquisendo crescente fama e anche in Italia molte aziende si occupano della loro coltivazione. "Secondo la medicina tradizionale cinese queste bacche costituirebbero un vero e proprio elisir di longevità, poiché ricchissime di sali minerali, fibre, vitamine A e C, calcio oltre che di acidi grassi essenziali che contrastano efficacemente i radicali liberi – spiega Stefano Pagano m progettista di edible gardens (giardini commestibili) – È possibile coltivare il goji in vaso, sul balcone di casa, per un consumo a km zero".

Il modo migliore per farle crescere? "È consigliabile porre il Lycium chinense in pieno sole e senza sottovaso, con un terriccio soffice perché non tollera i ristagni. Nel mese di giugno la pianta fiorirà e a settembre giungeranno a maturazione i suoi frutti, le preziosissime bacche".

M.C.R.