Lo chiamano l’oro bianco dell’Africa, e le sue potenzialità sono note da anni, ma negli ultimi tempi la sua popolarità è aumentata. Ricco di ferro, vitamina B e C e zinco, a basso contenuto di grassi,  il latte di cammella è considerato un valido alleato anche in caso di diabete e allergie, oltre che un buon afrodisiaco. Senza dimenticare la cura di bellezza che, si fa risalire addirittura a Cleopatra. Si racconta infatti che la regina d’Egitto

avesse l’abitudine di immergersi nel latte di cammella per mantenere la pelle soffice e chiara. Il continente africano ha dato il suo contributo all’esplosione dei cosiddetti ‘superfood’, richiesti dalla clientela occidentale per l’alto contenuto di nutrienti e antiossidanti. Tra gli alimenti di maggior successo ci sono  il baobab, il tamarindo e l’ibisco disidratato, e cereali come il teff - coltivato in Etiopia - e il fonio, diffuso in Senegal.