Il microbiota fa parte del nostro benessere fin dalla nascita, se non addirittura prima. Tanto che nel neonato appare diverso se la gestante ha preso troppo peso durante la gravidanza o ha avuto un incremento ponderale accettabile. E cambia nel piccolo nato da parto cesareo rispetto a quello che invece viene al mondo per vie naturali. Poi si modifica nel corso della vita, risentendo delle nostre abitudini, dell’alimentazione, addirittura dell’attività fisica che facciamo.

Per chi vuol saperne di più, anche “rivisitando” in chiave scientifica ricette semplici della nostra tradizione che possono aiutare il benessere della flora intestinale, è disponibile “Microbiota – L’amico invisibile per il tuo benessere a tutte le età” (Gribaudo Editore). «Il microbiota cambia continuamente con il passare degli anni ed in qualche modo ’dipende’ dalle nostre abitudini, rappresentando una sorta di ’chiave’ olistica di lettura del benessere della persona» spiega Antonio Gasbarrini, Ordinario di Medicina interna e Gastroenterologia all’Università Cattolica, coordinatore del libro. Gli esperti hanno declinato il tema spiegando anche le correlazioni tra il microbiota ed alcune condizioni patologiche, dall’ansia fino alle allergie, passando per l’invecchiamento cerebrale e le delicate fasi di passaggio della vita di ogni persona fino alla senescenza.