Fido e micio, anche per loro l’età è importante

Quando si adotta un pet, è importante capire come bisogna gestire alimentazione e stile di vita

18/07/2021 - di Gloria Ciabattoni

Guess my age, ovvero indovina quanti anni ha il mio cane. Conoscere l’età di Fido è importante, in quanto gli animali invecchiano e purtroppo lo fanno più velocemente di noi. E non è del tutto vero che, come si dice comunemente, un anno di un uomo corrisponde a sette anni di Fido: molto conta la taglia dell’animale, più è grande più ogni anno vale molto di più dei sette umani, mentre per un pet di taglia piccola un anno ne vale circa 6. I cani piccolissimi possono vivere dai 15 ai 18 anni, quelli di taglia media al massimo 13 o 14. anni, e gli animali più grandi vivono mediamente 9-11 anni.

 

Quando si adotta un cane non sempre è facile da capire la sua età, cosa importante se pensiamo di prendere un cucciolo perché l’età serve a stabilire se possiamo alimentarlo con latte o con cibi solidi. In primis occorre valutare i denti: fino ai 15 giorni di vita i cuccioli ne sono privi, poi spuntano i primi dentini, quindi quelli da latte che poi dai 3 mesi in poi si cominciano a usurare. Infine al raggiungimento del primo anno di vita il cagnolino avrà messo tutti gli incisivi e i canini definitivi. Così vedere la condizione dei denti ci aiuterà a capire l’età del cagnolino.

 

L’aspetto del pet aiuta a determinarne l’età: i cuccioli e i cani giovani hanno un mantello folto e lucido, e quello dei cani più anziani è opaco e più rado. Ma incidono anche fattori come la razza, l’alimentazione, la tipologia della cute e lo stile di vita. Comunque i peli bianchi vicino al muso e agli occhi si manifestano in un cane sopra i cinque-sette anni. Infine, va da sé che un cane attivo e giocherellone sarà un cucciolo, o un animale giovane, mentre uno più anziano potrà avere problemi di mobilità. In questa fase è molto importante che la dieta preveda anche vitamine per cani anziani che lo aiuteranno a mantenersi meglio.

 

Anche nel caso di un gatto è importante capirne l’età, soprattutto se lo adottiamo da un gattile. Gli animali adulti sono quelli che hanno fra 1 e 7 anni: hanno raggiunto la maturità sessuale, quindi le femmine vanno in calore e i maschi marcano il territorio, e si può pensare a sterilizzarli. Anche per i gatti osservarne la dentatura è un modo per capirne l’età. Già dal primo anno nei denti si forma il tartaro, e più lo si nota più il cane è anziano, ad esempio fra i 4 e i 7 anni l’accumulo di tartaro è molto evidente e la pigmentazione si nota sulle gengive e sul naso. Infatti un gatto viene considerato anziano a partire dai 7 o 8 anni di vita. Si può stimare che un gatto abbia fra i 10 e i 15 anni di vita osservandone la dentatura che si deteriora con il passare del tempo. Però l’anzianità si nota perché l’animale inizia a dimagrire e a perdere tonicità muscolare, cosa che diventa più evidente quando i peli bianchi aumentano, il che avviene quando il micio ha fra i 15 e i 20 anni.