Una miopia che galoppa si può trattare con farmaci specifici, occhiali con lenti a defocus periferico, e controlli costanti dal medico specialista. "L’atropina, in particolare – spiega il professor Nucci dell’Università Statale di Milano – è una molecola che si è dimostrata efficace nel rallentare la miopia evolutiva, tra i 6 i 14 anni. Uno studio che ha coinvolto l’Ospedale San Giuseppe, Gruppo MultiMedica di Milano, ne ha confermato l’utilità". L’indagine ha preso in esame 52 bambini nei quali è stata impiegata l’atropina e 50 soggetti di controllo. Dopo 12 mesi di terapia, in 41 pazienti fra quelli trattati (79%), la miopia ha subìto un sostanziale rallentamento. La miopia, insieme a ipermetropia e astigmatismo, appartiene alla famiglia dei difetti refrattivi. Lo screening dei difetti refrattivi deve iniziare non prima dei 3 anni, per evitare il rischio di falsi positivi, mentre il test del riflesso rosso va eseguito alla nascita, e può svelare precocemente una cataratta congenita.

Alessandro Malpelo