Considerando l’elevato livello di contagiosità delle verruche, è importante adottare delle semplici ma importanti misure di prevenzione. Può essere l’umidità a sostenere lo sviluppo delle verruche, soprattutto ai piedi. Ecco perché il contagio è più frequente in un ambiente umido come la piscina. Le scarpe troppo strette e non adatte si dimostrano un favorevole motivo perché il papilloma virus che causa le verruche, si diffonda più facilmente. "Opportuno non trascurare mai le verruche – sostiene Franco Marsili, Direttore dell’Unità Opertiva Dermatologia dell’Ospedale della Versilia – perché non solo si dimostrano difficili da eliminare radicalmente, ma possono presentare un alto rischio di recidiva". Riservare particolare attenzione all’igiene dei piedi tenendoli sempre puliti e asciutti. Evitare di camminare a piedi nudi in posti pubblici come i bordi delle piscine, parchi acquatici palestre, ecc. Necessario indossare sempre ciabatte, sandali o infradito ed asciugare bene i piedi prima di rimettere le scarpe.

Nel caso siano presenti verruche plantari e dovendo nuotare in piscina, bisogna coprirle con un idoneo cerotto protettivo proprio per evitare di trasmetterle ad altre persone. Fare anche attenzione a non condividere, inavvertitamente, con altre persone oggetti personali, come asciugamani, accappatoi e oggetti per la cura delle unghie, ecc., che possono contribuire indirettamente ad aumentare il pericolo di diffusione. Gli specialisti dermatologi raccomandano una specifica cura dell’igiene della pelle: l’ eventuale presenza di infezioni cutanee può facilitare l’ingresso del Papilloma virus, mentre una pelle sana, bene idratata e priva di ferite resiste più facilmente all’attacco virale. Le verruche per la loro sensibilità e la rapida capacità di trasmettersi non devono assolutamente essere mai grattate o graffiate in quanto può aumentare il rischio di infezione. Anche in questi casi, le mani vanno lavate spesso ed accuratamente.

Antonio Alfano