Tre tipi di epatite, danni diversi per il fegato
Tre tipi di epatite, danni diversi per il fegato

L’epatite A è un’infezione contagiosa che può compromettere le funzioni del fegato. È causata dal virus Hav. Il contagio può avvenire in occasione di rapporti sessuali orali o attraverso l’ingestione di acqua o cibo contaminati. La maggior parte delle persone che contrae l’epatite A guarisce nell’arco di un mese senza che il fegato subisca danni permanenti. Dopo la guarigione, il paziente è immunizzato rispetto al virus. È disponibile la vaccinazione, indicata per i gruppi a rischio e per chi si reca in Paesi con basso livello d’igiene.

L’epatite B è dovuta allo Human Epatitis B Virus (Hbv) che viene trasmesso attraverso sangue e liquidi biologici infetti, come sperma, latte materno, secrezioni vaginali. Il contagio può avvenire anche da madre a figlio durante il parto. L’infezione coinvolge il fegato e può determinare epatite acuta, fulminante o cronica. Il vaccino anti-epatite B è il modo migliore per difendersi dalla malattia.

L’epatite C (infezione da Hcv) è considerata la più grave per il fegato. Il virus si trasmette attraverso lo scambio di siringhe infette e, meno facilmente, per via sessuale o parenterale (da madre a figlio). La malattia cronicizza senza sintomi e può portare a gravi conseguenze come l’insufficienza epatica, la cirrosi e il tumore del fegato.

M. M. F.